TV e Spettacolo

Al Bano, prima uscita pubblica dopo la scomparsa di mamma Jolanda

Nessun riferimento alla scomparsa dell'amata mamma: nella sua prima intervista dopo il lutto, Al Bano ripercorre con la memoria gli anni giovanili a Milano e parla dei suoi valori
Al Bano ospite a Settimana Ventura

Sono passati pochi giorni dal lutto che ha segnato casa Carrisi, e Al Bano preferisce non menzionare la scomparsa dell’amata mamma Jolanda. Eppure il Leone di Cellino non si ferma: proprio oggi è stato ospite a Settimana Ventura, il programma di approfondimento calcistico della mattinata festiva di Rai2. Nessun riferimento al recente lutto: Simona Ventura accoglie Al Bano con un caldo abbraccio, mentre il pubblico in studio si lancia in un’ovazione a supporto del cantante.

La determinazione del giovane Al Bano

Al Bano è introdotto da una clip d’annata, in cui compare una sua più giovane e determinatissima versione intenta a spiegare il motivo che lo ha spinto ad abbandonare la Puglia per tentare la fortuna a Milano.

Già a 17 anni Al Bano aveva le idee chiare: voleva diventare un cantante. “Tutto ciò che ha detto 50 anni fa quel ragazzo, lo ha mantenuto”, afferma Al Bano guardando il video. “Avevo la certezza, quando vidi Modugno che vinceva con Nel blu dipinto di blu, dissi: ‘Anche io un giorno sarò lì’”.

L’avventura a Milano

Il cantante ripercorre con la memoria i primi anni a Milano, città che afferma di aver amato e odiato. “Resta nel mio cuore, perché grazie a lei ho realizzato tutto”, dichiara Al Bano.

Una città fredda e complessa, con quella nebbia che “capii quanto ti faceva sentire solo”. Una vita fatta di lavoretti e di partecipazioni ai concorsi musicali. “Non mi ha mai preso lo sconforto”, afferma Al Bano, con la stessa luce di determinazione negli occhi di quel giovane nella video clip. “Ero talmente sicuro di quello che dovevo fare e come farlo che non mi sono mai atterrito, ero sicuro di me”.

I valori di Al Bano

Il profondo legame con la famiglia emerge nel corso del racconto. “La mia era una famiglia molto solida”, afferma Al Bano, mentre racconta di come i forti valori tramandatigli lo abbiano tenuto lontano dalla droga.

Il cantante lavorava a Milano come aiuto pizzaiolo, quando gli fu proposto di entrare nel commercio di stupefacenti e venderli ai suoi clienti. Al Bano oppose un netto rifiuto.

“Ricordo che mio padre mi diceva: ‘(La droga, ndr) ti tiene in vita un giorno e ti ammazza per il resto della tua vita’“, racconta il cantante.

Le donne di Al Bano, belle e intelligenti

Le memorie di Al Bano si spostano poi sul lato sentimentale. “Ho avuto solo due donne”, dichiara riferendosi alle ex Romina Power e Loredana Lecciso. Il cantante le elogia definendole belle e intelligenti.

“Bisogna stare attento che non ti innamori solo della bellezza ma anche della forza dell’intelligenza”, ammonisce Al Bano. Sia Loredana Lecciso che Romina Power hanno dimostrato la loro vicinanza al cantante in questi giorni difficili, aiutandolo a ricostruire quella serenità che afferma di perseguire. “Essendo un uomo di pace, io vorrei sempre e solo serenità non solo intorno a me, ma nella società, in giro per il mondo”, racconta Al Bano.

Potrebbe interessarti