un'ambulanza

Ancora una denuncia dall’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate, la stessa che lo scorso 2 gennaio aveva denunciato su Facebook il lancio di un petardo contro un’ambulanza che stava prestando soccorso sul territorio. Di ieri la notizia di una nuova aggressione ad un’ambulanza sequestrata da una banda di giovani con il personale al suo interno.

Sequestrano l’ambulanza e minacciano gli operatori

Come confermato dall’associazione su Facebook e riportato da Ansa, una banda di giovani nella giornata di ieri avrebbe preso d’assalto un’ambulanza. Un sequestro che ha riguardato anche il personale sanitario a bordo, costretti dai giovani a dirottare in direzione di un’amico 16enne del gruppo che aveva una distorsione al ginocchio.

Oggi pomeriggio la postazione 118 della Stazione Centrale si trovava al Loreto Mare per un intervento, improvvisamente nel pronto soccorso entra un gruppo di ragazzi che prende di forza l’equipaggio e li costringe a salire in ambulanza“.

Il dirottamento verso un amico lievemente ferito

Secondo quanto raccontato sulla pagina Facebook dell’associazione che si occupa di denunciare i ripetuti episodi di violenza sul territorio, il personale sarebbe stato costretto sotto minaccia a raggiungere il 16enne, amico del gruppo di ragazzi.

Pensando al peggio il medico si fa largo tra la folla e, con sommo stupore, trova un ragazzino 16enne con distorsione al ginocchio“, si legge nel post che sottolinea come, in un primo momento, i medici costretti con la forza ad intervenire avessero dubitato di trovarsi di fronte ad una gravissima emergenza per le modalità in cui erano stati dirottati sul luogo. “Con grande difficoltà il medico riesce a valutare la situazione che si presenta di lieve entità. Nonostante ciò viene intimato, con minacce a trasportare il giovane in ospedale“, intervento conclusosi tra gli insulti rivolti dai presenti al personale sanitario.