Un'immagine di Rita Pavone

Sono stati giorni difficili per Rita Pavone, dopo l’annuncio della partecipazione nella categoria Big del prossimo Festival di Sanremo, in programma dal 4 all’8 di febbraio.

Rita Pavone torna a Sanremo: esplode la polemica

La 74enne cantante torinese (naturalizzata svizzera) in seguito alla notizia del suo ingresso in gara è stata subissata di insulti sui propri canali social. A pesare su Rita Pavone sono le accuse di simpatie sovraniste e di razzismo, causate negli anni dal suo uso “ingenuo” dei social network. In molti ricordano il tweet di Rita Pavone contro Greta Thunberg, oltre alla polemica di 2 anni fa in seguito alla tappa romana del tour dei Pearl Jam.

A rincarare la dose poi ci ha pensato il tempismo dell’annuncio, avvenuto mentre era ancora accesa la polemica sulla possibile esclusione della giornalista Rula Jebreal, che alla fine interverrà sul palco del Teatro Ariston con un monologo contro la violenza sulle donne. In un’intervista rilasciata a La Repubblica Rita Pavone si è difesa dalle accuse, definendosi una “liberale”, cioè una persona che crede nella libertà. “Mi hanno chiamata per cantare – ha aggiunto – E non per rappresentare una parte politica nella quale non mi riconosco, perché non mi riconosco in nessuna parte politica“.

La difesa di un’artista internazionale

Entrata nel merito dell’uso dei social, la Pavone ha poi confessato di non saperli usare bene, spiegando che quando vede una cosa che le piace lo dice in modo avventato, così come fa nel caso opposto, senza pensare troppo alle conseguenze, “che in Italia diventano marchi d’infamia”. Il problema sta forse nel fatto che la partecipazione di Rita Pavone al Festival è stata vista quasi come una mossa politica.

In pochi si sono soffermati sulla carriera, che piaccia o no, di una delle più grandi cantanti italiane, che ha fatto tournée in tutto il mondo, ha partecipato diverse volte all’Ed Sullivan Show e ha condiviso il palcoscenico con artisti di fama mondiale e indiscussa come Duke Ellington, Ella Fitzgerald, i Beach Boys e gli Animals, solo per dirne alcuni.

L’ultima partecipazione di Rita Pavone in gara a Sanremo fu nel 1972, con il brano Amici mai che non riuscì ad accedere alla finale.

Il mese prossimo tornerà sul palco con il brano Niente (Resilienza 74), sempre più convinta dei suoi mezzi. “Credo nella mia canzone e nella mia voce che a 74 anni è ancora limpida”, ha dichiarato la Pavone. E chissà che questa volta non vada meglio rispetto a 48 anni fa.