Christian De Sica e Vittorio Cecchi Gori

A seguito dell’annuncio dell’arresto di Vittorio Cecchi Gori, il mondo del cinema non è rimasto indifferente, Christian De Sica e altri hanno criticato la scelta dei giudici. Secondo l’opinione generale, Cecchi Gori è troppo malato per passare i prossimi otto anni in prigione.

Intanto l’ex patron della Fiorentina è ancora ricoverato al policlinico Gemelli, piantonato dalla polizia.

Il mondo del cinema per Cecchi Gori

La notizia della condanna di Vittorio Cecchi Gori ha destato molto scalpore, soprattutto nel mondo del cinema. Ad essere maggiormente contestato è il fatto che, stando alle opinioni, non sia stato tenuto conto delle sue precarie condizioni di salute.

All’AdnKronos Christian De Sica, Giovanni Veronesi e Lino Banfi hanno espresso il loro parere.

Vittorio Cecchi Gori è reduce da diversi ricoveri urgenti, l’ultimo risale allo scorso 29 settembre, quando è stato sottoposto ad un’appendicectomia laparoscopica urgente. Mentre nel 2018 era stato ricoverato e operato per un’ischemia grave e problemi cardiaci.

La critica di Christian De Sica

Aspra è la critica mossa da Christian De Sica che ha così commentato la faccenda: “Mi sono meravigliato” ha detto “A quel signore che ha ucciso quel ragazzo hanno dato 5 anniin riferimento al caso Vannini e alla condanna di Antonio Ciontolie a Vittorio Cecchi Gori 8 per bancarotta”.

L’attore ha poi concluso affermando: “Che poi Cecchi Gori è stato fregato da tutti nella vita. Non capisco come ragiona la nostra giustizia. E poi portare in carcere un povero vecchio malato è un po’ una follia”.

Il commento di Giovanni Veronesi

Vittorio Cecchi Gori è una persona malata”, afferma con convinzione Giovanni Veronesi, aggiungendo: “Se andasse in carcere potrebbe anche rimanerci.

Da solo si è già punito nella sua vita”. Veronesi ha però alzato le mani in merito alla questione della bancarotta fraudolenta che vede protagonista Vittorio Cecchi Gori, “Non so nulla nel merito”, ha concluso.

Veronesi ha anche parlato delle pessime condizioni in cui verte Cecchi Gori, ricordando di averlo visto personalmente non camminare quasi più e avere un sacco di problemi fisici.

Lino Banfi sostiene Cecchi Gori

Anche Lino Banfi non è rimasto indifferente alla sorte toccata a Vittorio Cecchi Gori. “Sarei felicissimo se dessero i domiciliari” ha dichiarato “Non è solo un fatto di età ma di salute.

Andare in carcere può fargli solo male. Mi auguro di cuore per amicizia e perché sono più grande di lui di età che possa stare a casa. Hanno concesso i domiciliari a gente che ha fatto cose molto più gravi”.

Piantonato in ospedale

Intanto Vittorio Cecchi Gori risulta ancora ricoverato presso il policlinico Gemelli di Roma. Il trasferimento a Rebibbia è previsto per la giornata di lunedì. Il ricovero, stando a quanto riferisce Ansa, risalirebbe alla giornata di sabato, quando gli doveva essere notificata la condanna.

Ora Cecchi Gori sarà piantonato dalla polizia penitenziaria fino al trasferimento.