Anziana signora ritira la pensione in Posta

L’Italia aggiusta il tiro nella lotta contro l’emergenza coronavirus. Dopo la delibera del nuovo decreto rinominato Cura Italia, sono molti gli aspetti della vita economica destinati a cambiare nel breve periodo. Su tutti, spiccano importanti novità per quanto riguarda il pagamento delle pensioni di aprile e la riscossione di tributi e dei debiti da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Il coronavirus anticipa il pagamento delle pensioni

Una delle novità più importanti riguarda le pensioni di aprile. A causa del coronavirus, infatti, il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha annunciato a Tagadà di La7 alcuni cambiamenti in corso.


Lo scopo è tutelare la salute dei cittadini e soprattutto dei pensionati, i soggetti più a rischio del Covid-19. Per questo i pagamenti della pensioni di aprile sono anticipati a partire dal 26 marzo. Il Ministro Catalfo ha annunciato che “lo stiamo scagliando fino al 1 aprile, per evitare gli affollamenti all’interno degli uffici postali“.

Poste Italiane, dichiara il Ministro, invierà una comunicazione agli interessati. Verosimilmente il sistema potrebbe procedere in ordine alfabetico, di modo appunto da evitare la ressa agli sportelli delle Poste.

Stop al pagamento dei tributi all’Agenzia delle Entrate

L’emergenza coronavirus in Italia costringe anche ad un altro importante stop, che riguarda il pagamento di entrate tributarie e non all’Agenzia delle Entrate.

Come specificato sul sito, la Riscossione ha deciso di chiudere gli sportelli e modificare le date di pagamenti e notifiche. Nello specifico, sul sito è segnalato che:

  • Il versamento delle entrate derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di accertamento e di addebito in scadenza tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020 è sospeso. I pagamenti dovranno essere versati entro il 30 giugno 2020.
  • Le notifiche di nuove cartelle e altri atti di riscossione sono sospesi fino al 31 maggio 2020.
  • La rate della “Rottamazione-ter” scaduta il 28 febbraio e quella del “Saldo e stralcio” in scadenza al 31 maggio è posticipata al 31 maggio 2020.

In generale, viene segnalato anche che gli uffici dell’Agenzia delle Entrate Riscossione saranno chiusi fino al 25 marzo 2020. Sarà possibile tuttavia usufruire dei servizi online e telefonici, attivi per “richieste urgenti e non differibili”.

Pubblicato il calendario per il ritiro delle pensioni

AGGIORNAMENTO 20/03 – A seguito di quanto annunciato ieri dal Ministro Catalfo, Poste Italiane ha pubblicato sul proprio sito il calendario con l’ordine di ritiro della pensione.

Come preventivato, si procederà a partire dal 26 marzo in ordine alfabetico per cognome. Nello specifico:

  • Cognomi dalla A alla B giovedì 26 marzo
  • Dalla C alla D venerdì 27 marzo
  • Dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo
  • Dalla L alla O lunedì 30 marzo
  • Dalla P alla R martedì 31 marzo
  • Dalla S alla Z mercoledì 1 aprile

Contestualmente, la Catalfo ha anche riferito in un post che il pagamento delle pensioni sarà anticipato anche per i mesi di maggio e giugno 2020.

Post facebook del Ministro Catalfo
Post facebook del Ministro Catalfo

Approfondisci

Tutto sul coronavirus

Coronavirus, il decreto Cura Italia è in vigore