Elisha Nochomovitz

I tempi difficili aguzzano l’ingegno e così capita che, in piena emergenza Coronavirus, gli appassionati più irriducibili di sport e vita all’aperto trovino modi alternativi per praticare i propri hobby tra le mura domestiche. L’esempio più clamoroso arriva forse da Tolosa, in Francia, dove Elisha Nochomovitz, 32enne addetto alla ristorazione, è riuscito a correre un’intera maratona sul balcone del suo appartamento: “Avrei avuto la possibilità di uscire e correre vicino a casa – ha scritto su Instagram – ma se tutti facessero così ci sarebbero troppe persone là fuori”.

I 6mila giri del balcone

Per portare a termine l’impresa, il giovane ha corso avanti e indietro sul proprio balcone, lungo 7 metri e largo uno, per circa 6mila volte.

La distanza finale, i 42 chilometri della classica maratona, sono stati così percorsi in quasi 7 ore, un tempo che non gli permetterà di battere il record mondiale, ma che basta a renderlo decisamente soddisfatto.

L’obiettivo era quello di dimostrare di poter praticare sport in casa e, sopratutto, di sensibilizzare l’opinione pubblica in questo momento difficile: “Le indicazioni erano quelle di rimanere a casa ed è ciò che ho fatto, solamente per dimostrare che non abbiamo scuse.

E, per favore, rivolgete un pensiero a tutti quegli operatori sanitari che si trovano in prima linea a combattere il virus”.

View this post on Instagram

🎖FINISHER MARATHON DE MON BALCON🎖 . 🔸️Je viens courir pendant près de 7heures sur mon balcon de 7 mètres de long et 1metre de large. (Vous avez été nombreux à calculer,à peu près 6000 A/R) J'avais la possibilité de sortir pour courir autour de la maison,mais si tout le monde pense pareil on aurait été nombreux dehors… Mon travail a été reconnu d'inutilité public,donc le meilleur moyen de ne pas se laisser abattre c'est de faire du sport. 🔸️La consigne était de rester à la maison,c'est ce que j'ai fait. Juste pour vous montrer qu'on a pas d'excuses,et s'il vous plaît penser à toutes ces aides soignants qui sont en première ligne face à ce virus 🙏🙏❤ J'écris à chaud après avoir tourner pendant 7h sur mon balcon…tout se mélange dans ma tête et j'ai envie de vomir hahaha… Mais merci à tous et toutes pour vos messages/soutien tout le long de la journée. Vous m'avez bien aider à tenir. J'ai bossé mon mental aujourdhui. Je ne me pensais plus capable de courir 42bornes mais #marathonman est toujours présent ⚡🤜🤛 LA BISE #suuntofr #marathonman #runhappy #runhappyteam #runtoexplore #runtoinspire #runstoppable #motivationoftheday #nopainnogain #runningmotivation #runnerlife #igrunners #runnersofinstagram #picoftheday #marathonfinisher #fuckcovid19 #npng #trainhard #workhard #athlete #motivation #brooksrunhappyteam

A post shared by 🌟Marathon-Man 🌟 RunHappyTeam🇲🇫 (@elisha_nochomovitz) on

Lo sport ai tempi del coronavirus

La Francia, come molti altri Paesi in Europa e nel mondo, sta adottando misure piuttosto stringenti per quanto riguarda i movimenti delle persone, al fine di ridurre al minimo le possibilità di contagio. Il dibattito sulla limitazione degli sport all’aperto, quindi, non è solamente italiano.

Dalla Cina fino al Bel Paese, infatti, si stanno moltiplicando iniziative simili e sempre più persone decidono, tra serio e faceto, di allenarsi negli angusti spazi domestici.

Ultimo caso, in ordine di tempo, quello di Ferdinando Gambelli, un pensionato di Ancona che, come riporta il Corriere Adriatico, ha corso una mezza maratona (21 chilometri) sul proprio terrazzo. Un modo come un altro per festeggiare, ai tempi del coronavirus, il suo 70esimo compleanno.

(Immagine in copertina: Instagram/elisha_nochomovitz)

Approfondisci

Tutto sul coronavirus

Coronavirus, le regole sugli spostamenti: cosa dice il nuovo decreto

Coronavirus, vietato spostarsi fuori dal proprio Comune