boris johnson in primo piano

Notizie di questi istanti arrivano dal Regno Unito e riguardano il primo ministro inglese Boris Johnson, ricoverato al St Thomas Hospital di Londra dopo essere risultato positivo al Coronavirus. Dopo giorni in cui sono filtrate notizie che sembravano riguardare un peggioramento delle sue condizioni di salute, di questi momenti la notizia che Johnson sarebbe uscito dalla terapia intensiva.

Migliorano le condizioni del Premier inglese

A riportarlo sono numerose fonti estere, che rilanciano quanto annunciato direttamente da Downing Street. Per loro ammissione, sembra infatti che le condizioni del premier inglese Boris Johnson siano migliorate, tanto che appunto sarebbe già stato dimesso dalla terapia intensiva, dopo pochi giorni.

L’apprensione per il leader inglese era alta: dopotutto, si trattava del primo grande politico a dover ricorrere a tali procedure mediche. Il suo ricovero era stato reso necessario per il prolungarsi della febbre alta e di altri sintomi del Covid-19. Nelle ultime ore era anche emersa la notizia che a curarlo fosse un medico italiano, Luigi Camporota.

Ancora lungo il recupero completo

Nelle scorse ore erano già arrivate prime conferme da parte di Dominic Raab, il Ministro degli Esteri che ha assunto i poteri dopo il ricovero di Johnson.

Lo stesso aveva dichiarato, secondo le fonti, che stava facendo progressi.

Ora Downing Street ha fatto sapere che Boris Johnson “è di ottimo umore“. Nonostante sia stato dimesso e abbia bisogno ancora di ossigenazione, viene riportato che Johnson respira da solo: a ben vedere, non avrebbe mai avuto bisogno di intubazione o altro tipo di cure mediche più “invasive”. Il percorso di guarigione sarà ancora lungo, come specificato anche dal portavoce del governo inglese: “sarà attentamente seguito durante la prima fase di guarigione“.

Per il momento, tuttavia, la paura per un possibile aggravarsi ulteriore delle sue condizioni di salute, sembra sia rientrata.

Approfondisci

TUTTO sul Coronavirus

Luigi Camporota, il medico italiano che segue Boris Johnson in terapia intensiva