primo piano alberto e piero angela

Tanti auguri Alberto Angela. Il celebre divulgatore scientifico ha compiuto 58 anni e per lui sono arrivati una valanga di auguri, tra cui quelli del padre Piero, che in radio ha anche parlato della sua quarantena e di come sta trascorrendo questo periodo.

La telefonata di auguri di Piero Angela

Un sodalizio indissolubile sotto tutti i punti di vista quello tra Piero e Alberto Angela. Se ultimamente, quest’ultimo sembra essersi affrancato lavorativamente dal padre, con dei programmi di successo tutti suoi, primo fra tutti Ulisse – Il piacere della scoperta,  i due appaiono ancora molto uniti e il conduttore ha raccontato a Rai Radio 2 come ha augurato buon compleanno al figlio.

Piero Angela, nel programma I Lunatici, ha detto: “Gli ho fatto gli auguri, l’ho chiamato all’ora in cui è nato, alle 9.24”. Angela ha poi continuato raccontando come ora lavorino in modo indipendente, dopo anni di stretta collaborazione. “Ormai ha i suoi anni. Ne ha compiuti 58. Inizia ad essere un vecchietto anche lui”, ha scherzato il divulgatore scientifico. 

Il tweet di Alberto Angela

Alberto Angela amatissimo sui social

Alberto Angela ha ricevuto molti auguri anche dai suoi fan, che non hanno perso occasione per complimentarsi con lui in merito alla sua conduzione sempre garbata.

Le sue trasmissioni ottengono sempre un grande seguito di telespettatori e Alberto Angela è da molti considerato anche uno dei sex symbol della televisione.

Il paleontologo, per ringraziare tutti, ha scritto un tweet: Non smetterò mai di sorprendermi della profonda umanità che ha il nostro Paese. Nei confronti soprattutto di chi vive con grande dolore e difficoltà questo momento. Ma anche, in scala infinitamente più piccola, per un il semplice compleanno.

GRAZIE”.

La quarantena vista dagli Angela

Sia Alberto che Piero Angela hanno parlato del coronavirus e di quello che sta accadendo in Italia. In radio, ad esempio,  l’ex presentatore di Super Quark in merito alla quarantena ha detto: “La sto trascorrendo un po’ come tutti, recluso in casa. Però esiste il telefono, il computer, le e-mail. Tutti strumenti preziosissimi.

Ha aggiunto come ne stia approfittando per sistemare delle vecchie carte e come la musica sia fondamentale, avendo ripreso a suonare il pianoforte.  Molto d’impatto anche il videomessaggio di Alberto Angela trasmesso qualche settimana fa su Rai1, prima della messa in onda di Meraviglie-Una notte a Venezia.

Alberto ha parlato del grande patrimonio italiano che si ritrova anche nei comportamenti umani, 3mila anni di civiltà che si sono rivelati fondamentali in questa emergenza, con le persone disposte a stare a casa: “State salvando delle vite”, ha detto il paleontologo.

Inoltre, si è stretto alle vittime dell’epidemia in un abbraccio e anche a tutti quelli impegnati in prima linea. 

Approfondisci:

Alberto Angela racconta la bocciatura in 5 elementare: “Era una scuola molto rigida”

Alberto Angela racconta di nonno Carlo: “Rischiò tanto per salvare gli ebrei”