sergio mattarella in primo piano

Siamo di fronte a un evento eccezionale che tocca la vita di più di otto milioni di ragazze e ragazzi italiani“, sono le parole rilasciate in giornata dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che ha voluto rivolgersi con un videomessaggio direttamente ai ragazzi, centinaia di milioni di studenti che in questo momento si trovano a casa senza la possibilità di rivedere un’uscita, la luce della riapertura delle scuole che non è contemplata in questo primo profilarsi della fase 2.

Scuola, Sergio Mattarella e il videomessaggio agli studenti

Care ragazze, cari ragazzi, mi rivolgo a voi in una circostanza che nessuno avrebbe immaginato – così, citando l’incipit del videomessaggio, Sergio Mattarella si rivolge agli studenti italiani che ancora rimangono in attesa di sapere quando potranno tornare a sedersi nelle aule di scuola – L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha sconvolto, in poche settimane, le nostre vite“.

Mentre con la fase 2 sembra riavvicinarsi gradualmente e lentamente ad una parvenza di normalità, per quanto riguarda la scuola la situazione non è mai cambiata e a vincere è ancora la paura e il lockdown.

Guarda il video:

Le scuole chiuse sono una ferita per tutti

Le scuole di tutto il Paese sono state chiuse e lo rimarranno fino a quando il pericolo non sarà stato eliminato – tuona Mattarella, entrando nel merito dell’emergenza Coronavirus che ha chiuso i cancelli degli istituti portando la scuola direttamente nelle case degli studenti, filtrata da uno schermo – e non sarà possibile riaprirle in sicurezza”. Un evento eccezionale, tristemente straordinario che ha del tutto rivoltato la vita di oltre 8 milioni di ragazzi: “Le scuole chiuse sono una ferita per tutti.

Ma, anzitutto per voi, ragazzi; per i vostri insegnanti; per tutti coloro che, giorno per giorno, partecipano alla vita di queste comunità“.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, prezzo delle mascherine a 0,50 cent: quali comprare e quando usarle

Coronavirus e Fase 2: i vescovi contro il Governo sul no alle messe