TV e Spettacolo

Concerto 1° maggio, tra l’ospitata di Patti Smith e le polemiche di Venditti

Anche Patti Smith quest'anno ad onorare il concerto del 1°maggio. Diverso dalle scorse edizioni, sarà interamente trasmesso in tv. Non mancheranno le esibizioni così come non sono mancate le polemiche, sollevate in questi giorni da Antonello Venditti
concerto primo maggio

Nonostante la pandemia, la quarantena e il divieto di assembramenti, l’Italia non rinuncia al concertone del 1° maggio. Tra la disapprovazione di Antonello Venditti e la partecipazione di una star internazionale, Patti Smith, la maratona musicale si farà comunque. A dirigere lo spettacolo Ambra Angiolini.

Patti Smith, presenza confermata al concertone

Anche se mancherà il calore del pubblico scatenato sotto al palco, quest’anno il concerto del 1° maggio promette di regalare comunque grandi emozioni.

Anche se saremo costretti a godercelo dal divano di casa, in onda nella prima serata di Rai3 dalle 20 alle 24, saranno molti i contributi in remoto registrati dagli artisti in teatri e location private, dalla Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma ai teatri e location di altre città come Milano, Firenze e Napoli. Tra questi, anche l’intervento della star Patti Smith. Il titolo del concerto di quest’anno sarà Il lavoro in sicurezza: per costruire il futuro e andrà in onda in diretta dal Teatro delle Vittorie di Roma. Oltre alla cantante di People Have the Power, si esibiranno artisti quali Vasco Rossi, Zucchero, Gianna Nannini, Edoardo e Eugenio Bennato, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Le Vibrazioni, Francesca Michielin, Francesco Gabbani, Irene Grandi, Paola Turci, Alex Britti e tanti altri ancora.

Antonello Venditti polemico:“Il mio silenzio lo dedico agli artisti veri”

Non è dello stesso avviso Antonello Venditti, che quest’anno avrebbe preferito il silenzio. Sulle sue pagine social, scrive un post in cui esorta i colleghi a stare lontani, per una giornata, da social e tv. Il messaggio che il cantante vuole dare è di solidarietà nei confronti di chi lavora senza essere preso in considerazione.

“Il mio silenzio lo dedico a tutti gli artisti veri che non hanno diritti e a tutti coloro che non hanno voce”, dice. Una protesta tacita, la sua, che esprime un profondo amore nei confronti della musica. A tutti coloro che gli chiedono perché non si fa vedere o sentire, lui risponde così: “Voglio far capire che la Musica tutta è Cultura e fa parte essenziale della nostra vita!

Rispetto e diritti per chi ci lavora ed amore per i Fan che l’aspettano e la amano incondizionatamente!.

Post social di Antonello Venditti

CGIL: “Il lavoro deve restare protagonista”

Anche se le modalità del concerto quest’anno sono diverse, uguali restano gli intenti.

Come spiega Nino Baseotto, Segretario Confederale organizzativo CGIL, “quest’anno più di sempre i temi trattati riguardano la vita e il futuro di milioni di italiani”. Pur non essendo fisicamente presenti nelle piazze, per lui è però importante che il lavoro resti protagonista, perché è e sarà la risorsa fondamentale per superare la pandemia e creare una prospettiva di futuro. In sintesi, non si tratterà di una festa, ma è essenziale continuare a celebrare il lavoro, nonostante tutto.

Potrebbe interessarti