Silvia Romano in aeroporto insieme alla famiglia, Conte e Di Maio

Silvia Romano è tornata a casa, in Italia. Alle 14 il jet con lei a bordo è atterrato all’aeroporto di Ciampino. Ad attenderla c’erano proprio tutti: la famiglia, mamma, papà, sorella, il Presidente del Consiglio Conte e il ministro degli Esteri Di Maio. Tutti visibilmente commossi.

L’incontro con Conte e Di Maio

La giovane cooperante italiana è scesa dall’aereo con indosso gli abiti tradizionali somali, il capo coperto, guanti e mascherine. Il suo sorriso è rimasto però lo stesso, quello delle foto che hanno accompagnato questi lunghi mesi di assenza e silenzio.

Dopo essersi gettata nelle braccia della sorella e della mamma, e aver abbracciato il papà, Silvia ha salutato Conte e Di Maio. Il presidente del Consiglio si approcciato a lei con la dolcezza di un papà e in un semi-abbraccio i due si sono parlati. Simpatico il saluto con il ministro degli Esteri di Maio gomito a gomito Silvia ha ringraziato anche lui.

Le prime parole di Silvia

Le prime parole di Silvia sono state dunque di ringraziamento e poi ha voluto tranquillizzare tutti sulle sue condizioni di salute: “Sto bene per fortuna, fisicamente e mentalmente, sono felicissima, ora voglio stare solo con la mia famiglia”.

La 25enne ha poi aggiunto tra le lacrime: “Sono stata forte. (…) Grazie alle istituzioni”. Il gruppo ha poi lasciato l’aeroporto per dirigersi verso la caserma del Ros dove ad attendere Silvia c’erano le attività giudiziarie. Tanti i punti da chiarire, oltre alla conversione che la stessa afferma essere stata volontaria, a tutti i passaggi del suo rapimento. La Romano è stata anche sottoposta al test per il Covid-19.

La conversione

A sconvolgere l’opinione pubblica è la conversione della giovane alla regione islamica, voci che si sono susseguite nelle ultime ore e che sembrano aver trovato conferma nell’abbigliamento con cui è stata immortalata la giovane.

Sulla questione è interventuo l’ambasciatore in Somalia Alberto Vecchi che per primo l’ha incontrata e a Repubblica ha raccontato: “Sorrideva ed era contenta di poter finalmente mangiare una pizza” ha detto e poi: “In questi mesi vestirsi in questo modo credo sia stata un’abitudine, non ritengo possa indicare di per sè un atteggiamento spirituale e comunque su tutti gli aspetti personali è giusto che a parlare sia la giovane”.

Guarda il video:

Il sorriso di Silvia infonde in tutti noi, in tutto il Paese, una grande energia, una boccata di ossigeno più che mai necessaria in questo momento. Bentornata a casa!

Pubblicato da Giuseppe Conte su Domenica 10 maggio 2020

Approfondisci:

Il blitz che ha liberato Silvia Romano: le prime indiscrezioni

Somalia, Kenya e jihadismo: al-Shabaab, i sequestratori di Silvia Romano