medici fuori dall'ambulanza

Il nuovo bollettino della Protezione Civile conferma l’andamento positivo dell’epidemia di Covid-19. Il virus è ancora in circolazione ma, a due settimane quasi dal via libera alle riaperture e a ridosso dell’ok alla circolazione tra Regioni, i dati restano stabili.

Il nuovo bollettino

Al momento si contano in totale 232.248 persone ad aver contratto il virus dall’inizio dell’epidemia. Calano sempre più i ricoverati in terapia intensiva, oggi se ne contano 475, mentre i ricoverati in ospedale sono 7094 e in isolamento domiciliare 38606. Continua il calo nei decessi, anche se rispetto a ieri se ne conta qualcuno in più; in totale oggi sono 111 le persone decedute.

I guariti sono in aumento e hanno raggiunto i 152844, 2240 in più rispetto alla giornata di ieri. Calano i malati, che sono -1811 e 516 nuovi contagi.

Si alla riapertura delle Regioni

C’è l’ok al via libera della circolazione tra Regioni. Una decisione che ha però creato reazioni diversificate; se Zaia ed Emiliano plaudono, il governatore della Regione Campania De Luca non sembra essere d’accordo.
Aprire a tutti dal 3 giugno sarebbe bel segnale” ha dichiarato Luca Zaia.

La Regione Campania non sembra però essere d’accordo: “Davvero non si comprende quali siano le ragioni di merito che possano motivare un provvedimento di apertura generalizzata e la non limitazione della mobilità nemmeno per le province ancora interessate pesantemente dal contagio”. De Luca ha annunciato un aumento della messa in pratica di procedure di sicurezza e test rapidi, “Per prevenire per quanto possibile, il sorgere nella nostra regione di nuovi focolai epidemici”.