medico coronavirus

Puntuali come da mesi ormai arrivano in serata gli ultimi aggiornamenti sul numero di contagi da Coronavirus in Italia, dati che filtrano attraverso il bollettino della Protezione Civile. Di questa mattina invece la notizia di un nuovo caso sospetto di Covid-19 a Codogno, uno dei luoghi italiano più colpiti dall’epidemia.

Riapre il Pronto Soccorso di Codogno

Un giorno importante per la città di Codogno, epicentro dell’epidemia dove venne ricoverato il primo caso di Coronavirus in Italia nel febbraio scorso. Questa mattina ha di fatto riaperto le porte il Pronto Soccorso della città, chiuso nella notte tra il 20 e il 21 febbraio.

Coronavirus: il bollettino del 4 giugno

Di questi momenti il bollettino della Protezione Civile in cui si apprende la registrazione di 88 morti in data odierna per Coronavirus, numero che fa salire il totale delle vittime in Italia a 33.689. Dei 234.013 casi di Covid-19 confermati in Italia, in riferimento a tutte le persone che hanno contratto il virus dalla fine di gennaio ad oggi, 38.429 risultano attualmente positive con l’incremento in data odierna di 177 casi rispetto alla giornata di ieri.

Sempre costante e alto il numero di guariti che viene accertato giorno per giorno: 957 casi in più rispetto a ieri per un totale di guariti che oggi arriva a quota 161.895.

Conte: “Ora emergenza economica e sociale

Di ieri le ultime parole rilasciate in conferenza stampa da Giuseppe Conte sull’emergenza sanitaria che non può dirsi superata ma mutata nella sua urgenza e soprattutto ora, declinata nelle sue varianti economiche e sociali. “Ora dobbiamo fare i conti con l’emergenza economica e sociale. Abbiamo stanziato 80 miliardi di euro, corrispondente a 3 manovre di bilancio per aiutare le famiglie, i lavorati, le imprese garantendo la cassa integrazione anche alle aziende con un solo lavoratore“, alcune delle dichiarazioni rilasciate ieri dal Presidente del Consiglio.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Morto Hu Weifeng, medico che si era ritrovato con la pelle scura dopo il Covid

2 giugno, Sergio Mattarella ricorda le vittime del Covid: “Sono fiero del mio Paese”