Alex Zanardi parla al pubblico

Sono ore di apprensione per il campione Alex Zanardi, che lotta tra la vita e la morte a seguito di un terribile incidente durante una gara ciclistica. Zanardi stava percorrendo un tratto di strada statale in Toscana quando, dopo aver perso il controllo della sua handbike, si è scontrato contro un autoarticolato.

Il 53enne ha riportato un trauma cranico e traumi nella zona maxillo-facciale, subendo un delicatissimo doppio intervento chirurgico; ora si trova in terapia intensiva in gravissime condizioni al policlinico Le Scotte di Siena.

Aperta un’indagine

In attesa dei prossimi bollettini medici, previsti per le 10.30 e per le 12.30 di sabato mattina, la procura di Siena ha aperto un fascicolo di indagine.

I carabinieri hanno acquisito un video amatoriale che permetterebbe di ricostruire la dinamica dei fatti.

I militari hanno sequestrato i mezzi coinvolti nell’incidente, il camion è di proprietà di un 44enne di Siena. I militari sono inoltre al lavoro per verificare le modalità organizzative della gara, che hanno destato non poche polemiche tra i fan. Si ipotizza il reato di lesioni gravi o gravissime da incidente stradale (articolo 590 bis del codice penale).

Indagato l’autista

L’autista del camion risulta indagato ma, il capo della procura Salvatore Vitiello ha precisato che si tratta di un atto dovuto.

L’autista è risultato negativo ai test per alcool e sostanze. L’uomo sta collaborando con gli inquirenti e ha già depositato la sua testimonianza.

La testimonianza di un amico

Un minuto prima dell’incidente mi ha detto di essere l’uomo più felice del mondo per poter pedalare in quel paradiso” ha raccontato al Corriere della Sera Paolo Bianchini, titolare dell’azienda vinicola Ciacci-Piccolomini che in quel momento stava affiancando Alex Zanardi con l’auto.

Si trovavano sulla statale 146 tra San Quirico d’orcio e Montalcino, uno dei tratti stradali più belli d’Italia.

Il racconto prosegue con la testimonianza dei terribili minuti successivi: “Ho sentito un botto, lo stridore terribile di una lunga strisciata. Alex era a terra, respirava ancora. Sua moglie è scesa di corsa e si è gettata su di lui”. L’Italia intera resta stretta intorno al campione e alla sua famiglia, di nuovo con il fiato sospeso, come 19 anni fa.

Le prossime 48 ore saranno cruciali.

Gli ultimi video prima del dramma

Sorridente e felice, insieme a tutti i partecipanti della staffetta non competitiva di Obiettivo 3, sono queste le ultime immagini che vedono protagonista Alex Zanardi, poche ore prima del dramma.

Il gruppo era da poco arrivato a Brolio dove sono stati accolti con grande affetto e due doni simbolici, il cuore della cittadina e un ciondolo a forma di cuore con il Tricolore. Commosso, il campione ha commentato: “Solo in Italia accadono certe cose, grazie ragazzi vi voglio bene!” e poi di nuovo in moto: “Via che la strada è lunga“.

Guarda il video:

La “zanardata”

Al campione è stato anche dedicato un gelato da parte di una gelateria, la Zanardata. Spiega il titolare dell’attività: “Ai bambini si diceHai fatto una bischerata-,per una persona fuori dal comune ed eccezionale abbiamo inventato questo“.

Approfondisci:

Alex Zanardi, la carriera e la vita di un uomo invincibile