alex zanardi in primo piano

Sono giorni nuovamente convulsi per Alex Zanardi, il pluri-campione vittima di un drammatico incidente. Nella giornata di oggi, il primario del San Raffaele ha definito le sue condizioni stabili, dopo il trasferimento d’urgenza dal centro Villa Beretta, dove era stato spostato per iniziare il percorso di riabilitazione. Poco fa, l’ospedale di Milano ha fatto sapere che Alex Zanardi è stato nuovamente operato alla testa.

Nuovo intervento per Alex Zanardi

Come riportato da numerose fonti, il San Raffaele avrebbe comunicato solo oggi che sabato scorso, il giorno dopo il trasferimento dal centro di Costa Masnaga, Alex Zanardi è stato sottoposto a un intervento: si tratta del quarto dall’incidente del 19 giugno 2020.

Si tratta di una “delicata procedura neurochirurgica, eseguita dal professor Pietro Mortini, direttore dell’Unità operativa di neurochirurgia, per il trattamento di alcune complicanze tardive dovute al trauma cranico primitivo“.

Nel bollettino diffuso, le condizioni di Zanardi vengono definite stabili e “accertamenti clinici e radiologici confermano il buon esito delle suddette cure“. Zanardi resta ovviamente in Terapia Intensiva Neurochirurgia del San Raffaele.

La situazione delicata di Zanardi

Solo questa mattina veniva definita così la condizione di Alex Zanardi: “Può avere grandi miglioramenti e peggioramenti improvvisi“, aveva riferito il primario Luigi Beretta.

Parole che fanno il paio con quelle di Franco Molteni del centro di riabilitazione, che aveva prospettatoun Himalaya” da scalare per Zanardi.

Nel weekend si era manifestata una forte febbre, forse dovuto ad un’infezione batterica. Ora la notizia invece che si è reso necessario un intervento chirurgico per stabilizzare le sue condizioni: se Himalaya dev’essere, il campione d’Italia Alex Zanardi è purtroppo ancora ai primissimi campi base.

Approfondisci

Alex Zanardi, il primario parla delle sue condizioni: “È delicato”

Alex Zanardi, il medico della riabilitazione: “I miracoli non li fa nessuno”

Alex Zanardi, il figlio Niccolò: “Gli parliamo, diamo stimoli affettivi”