Alex Zanardi mentre saluta

Sono ore dense di preoccupazione al reparto di terapia intensiva neurochirurgia dell’ospedale San Raffaele, dove Alex Zanardi è stato ricoverato dopo che le sue condizioni erano diventate instabili.

Alex Zanardi trasferito in terapia intensiva

A vigilare sulla salute dell’atleta paralimpico, ora, c’è il primario Luigi Beretta dell’ospedale  San Raffaele. Sulle sue condizioni si sta mentendo il massimo riserbo:Un paziente in terapia intensiva è delicato, può avere grandi miglioramenti e peggioramenti improvvisi”, dichiara Beretta. Per ora si sa che il trasferimento era avvenuto dopo che, nella giornata di venerdì, il paziente aveva manifestato una forte febbre che si sarebbe poi abbassata nel weekend.

La situazione sarebbe stata complicata anche da un’infezione batterica che avrebbe destabilizzato le funzioni vitali.

Zanardi non è stato intubato

Al momento secondo diverse fonti Zanardi non sarebbe intubato, e quindi respirerebbe autonomamente. Non è in programma, per ora, una conferenza stampa a breve sulle condizioni di salute dell’atleta, in quanto si preferisce attendere e dare ai medici del reparto il tempo per lavorare con grande concentrazione su Zanardi.

L’incidente: interventi chirurgici e ricoveri

Alex Zanardi aveva avuto il drammatico scontro con un camion, mentre guidava la sua handbike, lo scorso 19 giugno: subito dopo l’impatto era stato trasferito all’ospedale Le Scotte di Siena, dove è stato operato 3 volte.

Poco tempo fa, vista la situazione positiva generale delle sue condizioni, era stato trasferito a Villa Beretta, dove aveva iniziato il percorso di riabilitazione neurologica. Poi, il nuovo crollo ed il ricovero in terapia intensiva neurologica a Milano. Ora non resta che attendere e sperare per il campione.

Approfondisci:

Alex Zanardi, il figlio Niccolò: “Gli parliamo, diamo stimoli affettivi”

Alex Zanardi, il medico della riabilitazione: “I miracoli non li fa nessuno”

Alex Zanardi trasferito di nuovo in terapia intensiva