carolyn smith in auto

Carolyn Smith ha avuto un diverbio con alcuni follower su Instagram dopo un post pubblicato sulla sua permanenza in un ospedale romano. La giudice di Ballando con le stelle, infatti, continua la sua battaglia contro il male e spesso deve fare visita a strutture ospedaliere per le cure.

Alcuni l’hanno accusata di avere una “corsia preferenziale” in quanto personaggio pubblico, ma Carolyn ha smentito duramente ogni illazione. La coreografa ha raccontato il calvario che vive come molte altri malati, specie durante l’emergenza coronavirus.

Carolyn Smith in ospedale: “SpaDay”

La coreografa ha pubblicato un video dalla sua stanza d’ospedale, scherzando con i follower: “Che bellissima giornata qua a Roma per fare SpaDay“.

Carolyn Smith ha rassicurato che va tutto bene e che è riuscita a chiarire alcune cose con i medici che la seguono, assicurando che presto darà notizia ai suoi fan.

Alcuni commenti sotto il post, però, hanno osservato che per molti malati di cancro non ci sono a disposizione stanze con letti come quella mostrata dalla Smith. “Qui di SPA non c’è niente“, ha commentato un’utente, raccontando delle ore di attesa in “stanzoni con tante poltrone (non letti) dove ci sono tante persone a distanza veramente minima l’una dall’altra“.

La replica: “Non ho il lusso delle precedenze”

Carolyn Smith ha replicato a queste illazioni in maniera molto netta in un secondo video. “Sì, sono un personaggio pubblico, però non significa che io ce l’ho il lusso delle precedenze“, chiarisce.

La coreografa racconta di star facendo una nuova chemioterapia all’Idi di Roma: “L’ho sempre nominata SpaDay per essere autoironica, perché se devo veramente pensare a quello che devo fare mi viene da piangermi addosso“.

All’autrice del commento, Carolyn Smith chiede di “non dire c*****e“, e racconta i 2 anni e mezzo in cui ha fatto la fila con “le persone comuni come me“.

La giudice continua spiegando le difficoltà vissute insieme al marito, durante l’emergenza coronavirus, “che non poteva uscire fuori dalla machina ad andare al bar o toilet etc per noi eravamo dal NORD zona rossa! Non potevamo andare in un albergo a riposare. Non potevo fare il TAC o PET per 3 mese! Si moriva solo per il covid…“.

Un durissimo sfogo, ma Carolyn conclude avvertendo che lei legge tutti i commenti e non ha paura di rispondere a tono.

View this post on Instagram

Video promesso per chiarire mio Spa Day che è auto ironico per me. Qualche persone pensano che è un offesa. Problema loro non mia. Ognuno ha suo modo di affrontare i propri situazione. Mia è sempre stata attraverso la positività e autoironia. Perche se penso al contrario poso crollare e cedere. E manco morto che faccio ora se non ho mai fatto in quasi 60 anni. 5 anni non interrotto di chemio e radioterapia (ho perso la quantità ma e meglio neanche a pensare) 5 interventi per un tumore al seno, sempre lo stessa. Cerco solo aiutare me stessa e altre donne di reagire in modo positivo e continuare a vivere in questa spiacevole situazione. Ma non mi lamento mai… ansi tutt’altro. Non mi sono lamentata durante il covid/lockdown che ogni 3 settimane a fare PD Roma in giornata, un bel 1200km, a volte dovevo aspettare per fare TDM1. Mio marito che non poteva uscire fuori dalla machina ad andare al bar o toilet etc per noi eravamo dal NORD zona rossa! Non potevamo andare in un albergo a riposare. Non potevo fare il TAC o PET per 3 mese! Si moriva solo per il covid… miracolosamente sono spariti noi paziente oncologici e non solo, ma nostra cancro non è spariti, è continuato. Prescindere dalla situazione Covid io facevo di tutto da continuare a viaggiare a Roma per fare chemio. Ma la paura di essere contagiato era molto altro. In questo periodo era comodo avere un letto al IDI per riposare perché mio lato B si è impiattita con 1200 km in una giornata. La prima chemio dal lock down 10/03 è stato una tragedia. Un crollo totale. Ho fatto 2 video dove mi sono crollata che mi sono spaventata sa sola per quando debole era. Non ho mai postato perche non era il momento e ho pensato che era contro producente per tutto e tutto, ma chi sa che non lo metto. Siamo fuori dal emergenza, ma sono convinta che tanti paziente erano come me. Allora detto questo, pensatici 2 volte prima di scrivere ed attaccare per una cosa che non sapete la storia intera. Fatte brutto figura. Ricordare che io lego tutto, quando posso rispondo, quando è necessario rispondo di sicuro, non sto zitta. Buona giornata tutto! Have a wonderful day. Carolyn

A post shared by Carolyn Smith (@carolynsmith5) on