corpo bimba

È stata ricostruita la presunta dinamica che avrebbe portato due giorni fa alla morte di una neonata di poche ore a Roccapiemonte, nel salernitano.

La bambina, a quanto pare, sarebbe rimasta uccisa dalla caduta dal balcone dell’appartamento, da dove sarebbe stata gettata.

Neonata gettata da un balcone

Sarebbe stata presa, appena nata, e gettata dal secondo piano del palazzo in cui abitano i suoi genitori, un uomo e una donna di 47 e 42 anni. La ferita alla testa, provocata dall’impatto con il suolo, sarebbe stata fatale per la piccola, ritrovata con ancora il cordone ombelicale attaccato.

I genitori non hanno voluto parlare

Non hanno ancora parlato i due genitori della piccola. Fermati e messi in stato di custodia –la madre è in ospedale sorvegliata a vista, monitorata in quanto ha appena partorito- non hanno ancora detto una parola su cosa può averli spinti ad un gesto simile, né su chi dei due abbia agito direttamente provocando la morte della piccola.

Gli inquirenti sono arrivati alla conclusione che la donna avrebbe partorito in casa e che, in un secondo momento di disperazione, uno dei due avrebbe buttato la piccola giù dal balcone.

La coppia ha un altro figlio, di 17 anni, che è stato ai nonni.

Forse la donna aveva problemi mentali

Secondo le testimonianze dei vicini di casa, la gravidanza della donna non era un fatto noto (se lei ne era consapevole, non ne aveva parlato con nessuno). A quanto pare era invece noto che la 42enne manifestasse instabilità e molti sospettavano che avesse dei problemi mentali: le indagini stanno approfondendo questa pista, cercando in questo modo di capire se il movente del delitto nasce da una situazione di disagio o patologie psicologiche.

Nella giornata di oggi verrà effettuata l’autopsia sul corpo della neonata, al fine di capire se possono emergere altri elementi.

Approfondisci:

Neonato trovato morto in una siepe a Salerno

Neonato trovato morto a Salerno: fermati marito e moglie