beirut incendio

Ancora una tragica notizia dal Libano, proprio da Beirut già devastata dalla terribile esplosione nell’area portuale il 4 agosto scorso che aveva provocato circa 130 vittime tra cui anche una cittadina italiana, come aveva confermato la Farnesina, di 92 anni.

Pochissime le notizie che arrivano dal Libano circa la nuova esplosione avvenuta in questi momenti.

Incendio in corso a Beirut: le immagini

Non è chiaro comprendere cosa sia accaduto, quanto possibile fare è osservare le conseguenze: l’imponenza di un incendio che si sta verificando nuovamente nella zona portuale della città di Beirut. Il tutto è documentato in questo momento attraverso numerosi video che stanno pervenendo da Twitter: si può notare una fitta coltre di fumo nera elevarsi dalla zona portuale che si sta espandendo sopra la città, rievocando i tragici momenti dell’inizio dello scorso agosto.

Impossibile comprendere le cause dell’incendio e delle fiamme che stanno divorando la zona limitrofa al porto. Come fa notare un utente su Twitter, si tratta del secondo incendio nel giro di una settimana a Beirut. Non è nemmeno chiaro capire cosa stia accadendo e cosa stia andando a fuoco: per il momento non rimane che lo spavento di chi si sta trovando di fronte alle fiamme spaventose.

In corso tutte le operazioni da parte dei soccorsi che stanno cercando di porre fine all’incendio. Nel panico i residenti che stanno immortalando sui social con i propri cellulari la colonna di fumo che proviene dal porto.

Immagini che come dicevamo, ricordano tristemente quanto accaduto il 4 agosto scorso. Solo successivamente, ad indagini avanzate e approfondite, venne alla luce che la responsabilità dell’incendio poteva gravare sulle autorità, consapevoli del pericolo che avrebbe potuto comportare un deposito di materiale altamente esplosivo nel porto.

Approfondisci

Beirut, video atroci: sposa travolta dall’esplosione e bimbo nato tra le macerie

Beirut: le autorità sapevano dei pericoli da anni ma non hanno fatto nulla

Beirut, militare pugliese ferito nell’esplosione: le sue condizioni