medici impegnati per il coronavirus

Tornano a salire i numeri dopo la giornata di ieri dove i contagi positivi in 24 ore non avevano raggiunto quota 10mila, come accade invece oggi. Sembra però che l’ago della bilancia sia sempre lo stesso: il numero di tamponi effettuato. Anche oggi infatti torna a salire dai circa 90mila di ieri per un totale oggi di 144.737 tamponi.

Il bollettino del 20 ottobre con tutti gli aggiornamenti sull’emergenza Coronavirus in Italia.

Coronavirus: oltre 10mila nuovi contagi, verso misure più stringenti

Sono 10.874 i nuovi positivi registrati nel bollettino di oggi, 20 ottobre.

Un numero più alto rispetto ai 9mila registrati ieri ma conforme alla curva della scorsa settimana. Preoccupa la situazione in Lombardia dove i contagi registrati in 24 ore si sono attestati a quota 2.023 e proprio dalla Lombardia è arrivata la richiesta di provvedimenti più seri e mirati per fermare la nuova ondata di contagi, sempre più veloce. L’ipotesi lockdown aleggia come un’ombra ma ancora non viene presa in considerazione rispetto invece a quanto avanzato ovvero un coprifuoco più stringente dalle 23 alle 5 del mattino.

89 i morti, 778 ricoveri in ospedale

Sono 89 i morti registrati oggi per un totale di vittime in Italia che è ora pari a 36.705.

Aumenta di pari passo il numero dei guariti, 255.005 in tutto dallo scoppio dell’epidemia 10 mesi fa, con l’incremento oggi di 2.046 casi. Peggiora la situazione in ospedale dove è attesa, nelle prossime settimane, una risalita dei ricoveri che potrebbe mettere a rischio il sistema sanitario italiano. Sono aumentati di 778 unità i ricoveri semplici per un totale di 8.454 persone ospedalizzate con sintomi. 870 invece le persone positive al Covid e ricoverate in terapia intensiva, 73 ricoveri in 24 ore.

142.739 le persone attualmente positive al Covid-19 in Italia cui 133.425 in isolamento domiciliare.

Approfondisci

TUTTO sul CORONAVIRUS

Chiusure a mezzanotte e non più di 6 persone a tavola: le norme del nuovo decreto

Conte: “Conciliare salute ed economia”, presentato il nuovo decreto