isabella noventa primo piano

Si torna a parlare dell’omicidio di Isabella Noventa, segretaria di Albignasego, uccisa tra il 15 e il 16 gennaio 2016. La scomparsa della donna, il cui corpo non è mai stato trovato, sarebbe attribuibile a 3 personaggi coinvolti nella sua fine, tra cui l’ex Freddy Sorgato. È proprio lui che a poche settimane dall’inizio del dibattito del ricorso in Cassazione cambia la ricostruzione dell’omicidio nella sua memoria difensiva. Secondo l’uomo, Isabella Noventa non sarebbe morta nella sua villa di via Sabbioni, ma in un campo poco distante.

Freddy Sorgato: Isabella Noventa morta in un campo

Freddy Sorgato nella memoria difensiva cambia lo scenario dell’omicidio di Isabella Noventa.

La donna sarebbe stata uccisa in un campo e poi sepolta, non nella villa, finita all’asta, di Sorgato. Proprio nell’abitazione dell’uomo a Noventa non sarebbero state rinvenute tracce riconducibili alla morte della segretaria, come accertato dai sopralluoghi della Scientifica.

Se l’ipotesi degli investigatori è che le tracce siano state ripulite da Sorgato e dai suoi complici, ora la memoria difensiva cambia il quadro. I legali del 45enne, inoltre, hanno nominato un perito tecnico per dimostrare che non sono stati usati solventi per ripulire la villa.

Come riporta Il Gazzettino, a suffragare le esternazioni dell’uomo ci sarebbe anche un testimone, ma la sua presunta presenza viene accolta con scetticismo dal fratello della vittima, Paolo Noventa.

Il caso Isabella Noventa

Freddy Sorgato è stato condannato a 30 anni di carcere insieme alla sorella Deborah, che secondo Paolo Noventa sarebbe la vera autrice dell’assassinio di Isabella. Sorgato, dopo l’arresto, ha dichiarato di aver ucciso lui la segretaria durante un gioco erotico e di essersi disfatto del cadavere gettandolo nel Brenta.

Dopo la condanna in Corte d’Appello, è ora il turno della Cassazione. Altra figura chiave dell’omicidio è Manuela Cacco, ex tabaccaia e amante di Freddy Sorgato, condannata a 16 anni e 10 mesi per aver preso parte all’omicidio.

Approfondisci:

Isabella Noventa, la madre in punto di morte ripeteva “assassini”