coronavirus medici

Continua ad essere un’emergenza di numeri e parole, oltreché sanitaria, quella legata alla proliferazione del Coronavirus che sta mettendo nuovamente in ginocchio il mondo. Di questa mattina il discorso di Giuseppe Conte alla Camera dei deputati dove ha anticipato quelle che potrebbero essere le nuove restrizioni su cui dovrà pronunciarsi ora il Parlamento alla luce di una nuova accelerata dell’epidemia che ha visto crescere in pochissime settimane il numero dei nuovi casi positivi.

Giuseppe Conte: no al lockdown generalizzato

Molti più letti in terapia intensiva, meno ricoveri, molti più tamponi: prima di esprimersi su quelle che potrebbero le nuove restrizioni – più severe ma che sfatano ad oggi l’ipotesi del lockdown generalizzato – Conte ha voluto proferire sul lavoro del Governo, insieme a tecnici specializzati, fatto in questi mesi all’indomani della prima ondata della pandemia, nei mesi che hanno preceduto questa nuova ondata di contagi.

Una seconda ondata per certi versi inevitabile e che torna ad essere all’ordine del giorno in quel di Palazzo Chigi.

Meno positivi ma anche meno tamponi

Anche oggi arriva, come di consueto, l’aggiornamento sui numeri del contagio nel bollettino del 2 novembre che vede leggermente diminuiti i nuovi positivi a fronte però di un numero di tamponi più basso rispetto a quello registrato nei giorni precedenti.

Nello specifico sono 22.253 i nuovi casi positivi registrati oggi in Italia a fronte di 135.731 tamponi effettuati. Costantemente alto il numero delle persone guarite, oggi 3.637 per un totale di 296.017 guariti in tutto dallo scoppio dell’epidemia. Sale però, più rapido in questi giorni, il bilancio delle vittime: 39.059 ad oggi – contando i morti degli ultimi 10 mesi – con l’incremento odierno di 233 nuovi decessi.

Salgono ancora i numeri negli ospedali italiani: dei 396.512 attualmente positivi in Italia, 19.840 risultano essere ricoverati con sintomi in ospedale, 938 casi in più rispetto a ieri; 2.022 invece le persone ricoverate in terapia intensiva con l’incremento di 83 unità in 24 ore.

Approfondisci

TUTTO sul CORONAVIRUS

“Anziani non indispensabili”: Giovanni Toti si scusa ma la polemica continua

Coronavirus, nuovo Dpcm in arrivo. Conte: “Valutiamo se necessario intervenire ancora”