Kamala Harris, vice presidente degli Stati Uniti

Kamala Harris è la nuova Vice Presidente Eletta degli Stati Uniti. La vittoria alle elezioni 2020 di Joe Biden, eletto 46° Presidente, è stata acclamata dalla metà democratica del Paese. Oltre 74 milioni di persone hanno scelto il 78 enne americano con una importante carriera politica alle spalle. Se lo hanno fatto, molto del merito deve andare anche alla donna scelta come braccio destro, a colei che per i prossimi 4 anni (salvo ribaltoni giudiziari pro-Trump) sarà la vice Presidente degli Stati Uniti: Kamala Harris, prima donna a ricoprire questa carica.

Le tante prime volte nella carriera di Kamala Harris

Nata nella californiana Oakland nel 1964, Kamala Harris per certi versi rappresenta molto di ciò che Trump ha combattuto negli ultimi anni. Figlia di un’oncologa indiana emigrata negli Stati Uniti per motivi di studio e di un professore emerito di Economia a Stanford anch’egli emigrato dalla Giamaica, il nome di Kamala Devi Harris è stato scelto apposta per mantenere qualcosa della cultura induista della madre. Il suo nome “Kamala” significa Loto, mentre Devi “Dea”, protettrice di villaggi.

A suo modo, Kamala Harris è diventata proprio una protettrice: laureata in scienze politiche ed economia alla Howard University di Washington, ha iniziato in questi anni il suo attivismo contro l’apartheid e temi razziali.

Nel 1990 ottiene l’abilitazione da avvocato ed ha inizio la sua carriera, che la porta prima a diventare procuratrice generale di San Francisco, quindi Attorney General della California nel 2010 e 2014. Nel 2016, invece, l’elezione al Senato degli Stati Uniti tra le fila del Partito Democratico. In tutti questi casi, è stata la prima donna di origini asiatiche a ricoprire l’incarico.

Dall’attività politica fino alla vice presidenza degli Stati Uniti

La carriera di Kamala Harris è stata segnata negli ultimi anni da una crescente fama: il suo passato da procuratrice distrettuale le ha permesso di spiccare nell’ambito dell’inchiesta Russiagate, quando ha messo alle strette Jeff Sessions, ministro della Giustizia.

Tutta la sua attività politica recente è caratterizzata da temi e iniziative di stampo progressista, come le battaglie per i diritti LGBT, l’attenzione al piano di assistenza sanitaria e all’ambiente e più volte si è spesa in parole sulle condizioni della comunità afro-americana.

Tuttavia, il suo recente passato non è così “roseo”.

Le proteste di Black Lives Matter contro la Harris

Ora sembra la carta migliore a disposizione del movimento Black Live Matters, che ne applaude l’elezione, ma nel recente passato Kamala Harris è stata anche contestata. Veniva definita un “Top Cop, uno sceriffo intransigente. In un articolo del New York Times del 2019, è stata definita “dalla parte sbagliata della storia“. Sotto accusa le dure iniziative contro l’abbandono scolastico, che prevedevano anche la persecuzione penale dei genitori che facevano saltare troppi giorni di scuola ai figli.

Kamala Harris, ex Attorney General della California
Kamala Harris, ex Attorney General della California

Inoltre, sempre da procuratrice ha bocciato l’obbligo delle body cam per la Polizia, vietato le operazioni di cambio sesso per i detenuti e alcuni eclatanti casi giudiziari nei quali la Harris si sarebbe “accanita” contro membri della comunità, mostrandosi particolarmente intransigente.

Il suo sostegno a Black Lives Matter dopo la candidatura come VP di Joe Biden, specie dopo la vicenda George Floyd, quindi, ha sorpreso e fatto storcere il naso a quelli che la ricordano ancora come “Top Cop”.

Kamala Harris: marito, figli e vita privata

La vice presidente eletta degli Stati Uniti Kamala Harris è sposata dal 2014 con Dough Emhoff, avvocato californiano.

Viene riportato che i due si sono conosciuti grazie ad un incontro al buio organizzato dai colleghi. Per Emhoff, quello con Kamala è il secondo matrimonio: era già stato sposato per 25 anni con la produttrice cinematografica Kerstin Mackin, dalla quale ha avuto 2 figli, Cole e Ella. La Harris non ha figli suoi, quindi, ma è di fatto “matrigna” dei figli del marito.

Post del marito di Kamala Harris
Post del marito di Kamala Harris

La Harris è certamente il membro più famoso della sua famiglia, ma non è l’unico noto. La sorella di Kamala, Maya Harris, è infatti una nota analista politica per la MSNBC.

Spicca anche il nome di sua nipote, Meena Harris, fondatrice della Phenomenal Women Action Campagnain. Il cognato invece è General Counsel di Uber, nota compagnia di trasporto automobilistico privato, della quale anche la nipote è stata Head of Strategy & Leadership.

Approfondisci

Elezioni USA, ora è ufficiale: Joe Biden è il 46esimo Presidente degli Stati Uniti

Joe Biden: la carriera politica e la tragedia che ha condizionato la sua vita