cashback bancomat pagamenti

Come ricordato ieri sera dal Premier Conte durante la conferenza per il Dpcm, oltre all’amaro delle restrizioni natalizie, i cittadini avranno anche un (seppur piccolo) risvolto dolce: i cashback di Natale.

Chi, nel periodo natalizio, pagherà le proprie spese con carte e bancomat, potrebbe infatti ricevere un rimborso del 10% su ogni pagamento effettuato, fino ad un rimborso massimo di 150 euro.

La misura non serve solo ad incentivare la ripresa del commercio natalizio ed a rinfrancare le tasche degli italiani: è un servizio nato nell’ambito di Italia Cashless, il piano pensato dal governo al fine di incentivare l’uso di carte e pagamenti digitali e disincentivare l’utilizzo di contanti.

Cashback: come abilitarsi al servizio

Poter ottenere il cashback, il cammino potrebbe però rivelarsi più arduo del previsto: sembra che sotto ogni profilo, un Natale tranquillo quest’anno non possa proprio essere assicurato.

Se credevate che bastasse, tra l’8 ed il 31 dicembre, pagare con carta di credito o bancomat per assicurarsi il cashback, avete sbagliato di grosso.

La procedura per attivare il benefit infatti prevede che si debba avere una carta d’identità digitale o lo Spid e, una volta ottenuto uno dei due, occorre registrarsi all’App telefonica App Io ed abilitare la carta (o le carte) con le quali si vuole far funzionare il servizio.

Conte: “Sembra complesso ma non lo è”

Di per sé la procedura non dovrebbe essere macchinosa, se non fossero già note le vicissitudini di chi ha cercato finora di ottenere delle credenziali Spid e si è ritrovato a scalare una metaforica montagna: in un momento di lockdown in cui gli uffici pubblici sono chiusi, l’avventura potrebbe essere ancora più ardua. Sembra che il Presidente Conte si attenda un qual certo scoraggiamento da parte degli italiani, visto che nella conferenza di eri sera, parlando del cashback, ha sentito di dover specificare che la procedura “sembra complessa ma non lo è”.

Come funziona il cashback

Chi comunque riuscisse ad abilitare la carta al servizio di cashback, potrà usufruirne per qualsivoglia acquisto, dalla piccola spesa in panetteria fino all’acquisto di regali di Natale, e per ognuna ricevere un rimborso del 10%, fino ad accumulare un massimo di 150 euro.

Attenzione: perché il rimborso arrivi davvero è però necessario fare almeno 10 pagamenti con la carta e/o le carte abilitate. Se non si raggiungeranno i 10 pagamenti, non si avrà neanche un euro di cashback.

Approfondisci:

Spid: come ottenerlo

Conte: il Dpcm di Natale, le restrizioni, il cashback