giuseppe conte

Dopo la salita, la discesa: di questi momenti l’ufficialità della notizia che riguarda Giuseppe Conte che ha in questo momento rassegnato le proprie dimissioni al Capo dello Stato al Quirinale, Sergio Mattarella. Le intenzioni, già manifestate ieri sera, sono state confermate pubblicamente questa mattina nel corso del Consiglio dei Ministri durante il quale il Presidente del Consiglio ha proferito alle forze parlamentari.

In questo momento Giuseppe Conte, uscito dal Quirinale dove è stato a colloquio con il Presidente della Repubblica, sta raggiungendo la Presidente del Senato Elisabetta Casellati a Palazzo Giustiniani.

Giuseppe Conte: ufficiali le sue dimissioni al Colle

Ora le dimissioni di Giuseppe Conte sono in mano a Sergio Mattarella in maniera ufficiale. Come viene filtrato da fonti governative, Conte già questa mattina nel corso dell’ultimo Consiglio dei Ministri aveva annunciato pubblicamente l’intenzione di salire quest’oggi al Colle per dimettersi. Un annuncio che sembra essere stato accolto con “affetto”, come scrive Ansa: copiosi gli applausi da parte dei ministri di fronte alla volontà del Presidente del Consiglio.

Dal Conte ter al voto: cosa succede ora

Al via nuove consultazioni per un nuovo esecutivo

Doveroso in questo momento di forte instabilità politica per il Paese che continua ad essere contemporaneamente imperversato dall’emergenza sanitaria, pensare e guardare al futuro: avranno inizio già domani pomeriggio le prime consultazioni volte alla formazione di un nuovo governo mentre Sergio Mattarella ha informato di volersi riservare tempo prima di decidere, invitando l’attuale esecutivo a continuare ad occuparsi, da governo in carica, di tutti gli impegni.

Di questi momenti le prime dichiarazioni del ministro Azzolina che così commenta le dimissioni del Presidente del Consiglio: “Immutata stima e piena fiducia in un Presidente capace, perbene, e in grado di guidare con equilibrio il Paese nei mesi più duri della sua storia recente“.

Approfondisci

Crisi di governo, il centrodestra da Mattarella. Per Conte strada in salita