Fiordaliso ricorda l'infanzia da ragazza madre e il matrimonio violento

Conosciuta a livello internazionale per aver regalato alcuni dei più celebri brani della musica italiana, la cantante Fiordaliso nasconde un passato difficile e violento. Nasconde tra virgolette, visto che con coraggio lei stessa ne ha sempre parlato, svelando i dolori del suo passato e una vita non facile. Fondamentale, per superarlo, l’aiuto del padre che oggi definisce “un alieno“.

Fiordaliso incinta a 15 anni

Quella che oggi è la nonna rock della piccola Rebecca Luna, in passato è stata una ragazza madre giovanissima. Marina Fiordaliso, nata a Piacenza nel 1956, è infatti diventata mamma quando aveva solo 15 anni.

A metterla incinta un ragazzo non molto più grande di lei. Quando comunicò la notizia ai genitori, però, questi reagirono duramente, complice un periodo storico in cui una gravidanza in così giovane età non era vista affatto bene. “Gli è venuta addosso una rabbia terribile perché pensava che mi stessi rovinando e mi mandò via di casa” ha detto del padre Fiordaliso ospite a Oggi è un altro giorno.

La cantante ha infatti raccontato come il padre la mandò in un istituto per ragazze madri, La Casa del Fanciullo dove Fiordaliso ha partorito nel 1972 il figlio Sebastiano, cui è dedicata la canzone Il Mio Angelo.

Il matrimonio violento e le botte

La vita di Fiordaliso però ha conosciuto momenti ben più difficili. Dopo il periodo nell’istituto per ragazze madri, ha raccontato spesso Fiordaliso, la futura cantante decise di sposarsi con il giovane padre di suo figlio. Un matrimonio che, però, si è trasformato in un incubo: Fiordaliso è stata infatti vittima del marito violento, tanto da essere stata più volte picchiata. Un’esperienza terribile che, però, è stata in qualche modo fondamentale per la sua carriera: “Improvvisamente ho avuto voglia di gridare al mondo e alle donne che non devono più sottostare alle botte” ha dichiarato in passato.

A salvarla da quella situazione, sarebbe stato il padre, che Fiordaliso ha perdonato per averla mandata in istituto. Allo stesso modo, la cantante sembra aver in parte perdonato l’ex marito: “Posso anche scusarlo perché aveva 17 anni, si è trovato improvvisamente a badare a una famiglia. Però le botte non si scusano mai” le sue parole.

Fiordaliso in lutto per la madre

In epoca più recente, Fiordaliso ha vissuto il lutto per la morte della madre. Colpita come tutta la sua famiglia dal Coronavirus durante la prima ondata di febbraio-marzo 2020, la mamma Carla era stata ricoverata in ospedale e qui è morta: “Io non l’ho più vista, lei non ha più visto me” aveva raccontato la cantante.

Un argomento che l’ha segnata profondamente, tanto da farle dichiarare che è rimasta bambina fino al 19 marzo 2020, poi è diventata donna dopo la scomparsa della madre.

Particolarmente drammatico il suo racconto: “Una sera mi ha squillato il telefono, risposi. Sento una voce che mi dice: ‘Sto morendo’. E poi il telefono si è spento. Mia sorella ha subito richiamato e l’infermiera ha detto: ‘Signora, l’abbiamo chiamata noi perché non c’era più niente da fare‘.

Poi la notte mia mamma se ne è andata“.

Leggi anche: Fiordaliso piange la madre, “Questo dolore mi ha spezzata”.

Fiordaliso nonna rock di Rebecca Luna

Fortunatamente, il padre di Fiordaliso è riuscito a superare indenne il Coronavirus: “È un alieno“, ha detto di lui la cantante, riferendosi al fatto che passati i 90 anni sia riuscito a rimettersi bene, tanto da riottenere la patente di guida.

Nella vita di Fiordaliso, oltre al figlio Sebastiano, è poi arrivato il secondo figlio, Paolino Tonoli, nato nel 1989. Ad allargare la famiglia, ci ha pensato il primogenito Sebastiano, diventato padre nel 2012 di Rebecca Luna.

Per la nipotina, Fiordaliso si sente una “Una nonna rock. Sono quella che la fa giocare, le ho insegnato a dire sempre tutto e a non vergognarsi mai”.

Approfondisci

Verissimo, Fiordaliso ricorda mamma Carla: Silvia Toffanin in lacrime

Fiordaliso furiosa contro un capotreno: “I miei cani non devono pagare il biglietto”