matteo salvini parla con i giornalisti

Matteo Salvini torna a chiedere un’accelerazione sulle riaperture delle attività economiche e commerciali dopo Pasqua, qualora i dati lo consentano. Il governo Draghi sembra però più incline alla linea del rigore e fino a maggio potrebbero non esserci spiragli, con il ministro della Salute Roberto Speranza che indica i vaccini come priorità.

Le riaperture rischiano di compromettere la campagna vaccinale, avvertono infatti i virologi, che temono l’insorgere di mutazioni del coronavirus se tornasse a diffondersi. A intervenire è anche il compagno di maggioranza e segretario del PD Enrico Letta, che avverte Matteo Salvini di non creare false aspettative.

Salvini chiede riaperture dopo Pasqua

Il leader della Lega Matteo Salvini interviene sulle riaperture: “Oggi è il 27 marzo. Se dopo Pasqua, fra 10 giorni, la situazione sanitaria in tante città italiane sarà tornata tranquilla e sotto controllo, secondo voi sarà giusto riaprire bar, ristoranti, scuole, palestre, teatri, centri sportivi e tutte le attività che possano essere riavviate in sicurezza? Secondo me sì“, scrive sui social.

Il post di Matteo Salvini
Il post di Matteo Salvini

Salvini continua spiegando che le riaperture possono accompagnarsi alle strategie in atto per contrastare il coronavirus: “Correre con vaccini e terapie domiciliari, e appena possibile riaprire in sicurezza: il ‘sostegno’ più utile e importante, è tornare al lavoro“.

La replica di Enrico Letta

Al Forum Ambrosetti, il segretario del PD Enrico Letta replica, senza citarlo, alle pressioni di Salvini. “C’è ottimismo, e non bisogna generare aspettative che poi finiscono per essere frustrate“, dichiara, “Ecco perché l’accompagnamento della politica e l’unità del Paese intorno al governo Draghi sono particolarmente significative“.

La campagna di vaccini la priorità

Letta continua spiegando che la priorità rimangono le vaccinazioni: “È così per il governo che sosteniamo con forza“.

Un pensiero condiviso dal ministro della Salute Speranza che scrive su Facebook: “La campagna vaccinale è la priorità del Paese. Siamo a 250mila iniezioni in 24 ore e dobbiamo fare ogni sforzo per arrivare a mezzo milione di somministrazioni. Lavorando uniti ce la faremo“.

Il post del ministro Speranza
Il post del ministro Speranza

Zone rosse e arancioni fino a maggio

Nonostante il pressing di Salvini, il governo Draghi sembra intenzionato a continuare con le chiusure fino a maggio. Le Regioni che si aggiungono alla zona rossa da lunedì 29 marzo sono Toscana, Calabria e Valle D’Aosta, mentre al momento lo sono Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Veneto e alla Provincia Autonoma di Trento.

Unica eccezione la scuola, che fino alla prima media tornerà in presenza anche in zona rossa da dopo Pasqua, mentre nelle zone arancioni si avrà la didattica in presenza fino alla terza media e al 50% per le superiori.

Approfondisci:

Mario Draghi sui sanitari non vaccinati: “Il governo intende intervenire”, in arrivo provvedimenti

Autocertificazione covid: quando è necessario compilarla in zona rossa e arancione