Cronaca

Chi l’ha visto?, ascolti da record per la trasmissione: la segnalazione di una spettatrice riaccende la speranza sul caso di Denise Pipitone

Chi l'ha visto? ha registrato ascolti altissimi nel corso della puntata dedicata al caso di Denise Pipitone. Sul caso si riaccende la speranza, dopo che una spettatrice di origini russe ha segnalato la somiglianza con una ragazza andata alla televisione Russa per fare un appello
Denise Pipitone, le foto di Olesya Rostova: la somiglianza tra la ragazza russa e la piccola scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004

Boom di ascolti per Chi l’ha visto?, il programma di Rai3 che nella serata di ieri è andato in onda con uno dei gialli più seguiti dai telespettatori: la scomparsa della piccola Denise Pipitone. Scomparsa nel 2004, la piccola siciliana manca ormai da 17 anni da casa e ora l’appello di una giovane ragazza russa in cerca della sua vera famiglia riaccende la speranza. La somiglianza fisica, la coincidenza dei racconti e il desiderio di poter porre un lieto fine a questa storia hanno attirato l’attenzione di milioni di italiani sintonizzati da casa.

Ascolti record: 15,2 % di share per Chi l’ha visto?

I dati degli ascolti della prima serata di ieri sera parlano chiaro: Chi l’ha visto? tocca ascolti altissimi, con 3.520.000 spettatori seduti di fronte allo schermo e uno share pari al 15.2%. A far sì che il programma dedicato alla ricerca delle persone scomparse ottenesse così tanto seguito è stato un caso in particolare. Come già annunciato nel giorno precedente infatti, Federica Sciarelli ha riproposto uno dei gialli irrisolti più noti al pubblico, quello della scomparsa della piccola Denise Pipitone.

La decisione di riportare alla luce un caso avvenuto nel settembre del 2004 però non è stata casuale. Nelle scorse settimane infatti una giovane ragazza Russa ha lanciato un appello tramite la televisione di stato, chiedendo di poter abbracciare i genitori che non ricorda di aver conosciuto, poiché rapita quando ancora era piccola. La ragazza, Olesya Rostova, attualmente ha la stessa età che avrebbe Denise e i suoi trascorsi ricordano molto vagamente la storia della bimba siciliana. A destare ancor più stupore è l’innegabile somiglianza con la mamma della bambina, Piera Maggio, che da anni non si dà pace e sogna di riabbracciare la figlia.

“Grande attenzione” per lo spot creato dalla Sciarelli

 “Buonasera a tutti voi, grande attenzione per questa sera” così Federica Sciarelli ha salutato il pubblico di Chi l’ha visto? riconoscendo di aver destato grande interesse con lo spot mandato in onda nelle ore precedenti alla trasmissione. A occuparsi del filmato di anteprima, presentato sulle reti Rai, sarebbe stata la stessa conduttrice insieme ai suoi collaboratori. “Sarebbe troppo bello per essere vero, ma ve lo vogliamo raccontare lo stesso”, questo il motto di speranza che introduce la notizia, poi il racconto.

Una telespettatrice di origini russe che nota la somiglianza fra Olesya e Piera Maggio, la segnalazione alla redazione della trasmissione Rai, le immagini delle due donne affiancate a mostrare la similitudine, tutto nello spot invita a credere in una svolta definitiva per il caso.

“C’è proprio la sete di avere una buona notizia. Le persone in questo periodo difficile, complicato, tutti dicono ‘Ma può finire bene almeno una storia?’ e allora per questo la speranza che si riaccende da parte di tutti!”.

Piera Maggio ringrazia il pubblico che spera in un lieto fine

Prima di passare la parola ai suoi ospiti, Federica Sciarelli ha riportato le parole della madre di Denise, non presente in studio per via di un piccolo problema di salute.

La donna ha voluto affidare a lei il ringraziamento rivolto agli spettatori di Chi l’ha visto?, che hanno manifestato grande interesse per la questione. “Vuole ringraziare perché ha sentito l’affetto di tutti quanti, perché tutti quanti hanno detto ‘È lei!’, c’è veramente la sete di una buona notizia!”.

In seguito, è stato mandato in onda un messaggio registrato da Piera Maggio. Dalle sue parole è emerso come la donna preferisca procedere per gradi, affidandosi alle evidenze scientifiche.

“Siamo cautamente speranzosi ma senza illuderci” ha commentato la madre di Denise, che già in passato ha sofferto per presunti ritrovamenti poi non veritieri.

L’attesa di notizie dalla Russia

Nel corso dell’intero spazio dedicato a Denise Pipitone, Federica Sciarelli ha ospitato due figure attualmente fondamentali per gli accertamenti sull’identità della piccola Denise. In collegamento da Mosca c’era infatti il corrispondente Marc Innaro, in contatto con la rete televisiva del programma che ha ospitato Olesya offrendo spazio al suo appello. In rappresentanza della famiglia di Denise invece c’era il legale Giacomo Frazzitta, al fianco di Piera Maggio sin dal 2004.

Come emerso dal dialogo con i due, attualmente sono in corso degli accertamenti. La ragazza russa si sarebbe infatti già sottoposta al test del DNA, unico elemento veramente utile alla verifica della sua identità. Solo confrontando questo materiale genetico con quello dei genitori di Denise infatti sarà possibile sapere se Olesya è in realtà Denise. “Questa storia va chiarita con il DNA, non va chiarita con le sensazioni” ha dichiarato infatti Frazzitta, ricordando che solo l’evidenza scientifica potrà portare alla luce la verità.

Una segnalazione chiave per le indagini

Prima di chiudere lo spazio dedicato a Denise, Federica Sciarelli ha voluto ringraziare un’ultima volta l’infermiera russa che ha segnalato il caso di Olesya. La spettatrice ha infatti avuto un ruolo chiave per le indagini e indipendentemente dall’esito delle indagini, la conduttrice ha voluto riconoscere il merito del suo gesto. “Ringraziamo l’infermiera russa della Val Seriana– ha iniziato- non dev’essere solo il Covid a unire tutto il mondo, la globalizzazione non è solo il Covid, ma anche la solidarietà!”.

Approfondisci

Denise Pipitone, questa sera a Chi l’ha visto? il caso di Olesya Rostova ma è polemica da parte di Tognazzi: “Cosa non si farebbe per un punto di share in più”

Denise Pipitone, scomparsa nel nulla nel 2004: la storia di Denise e la ricerca disperata dei suoi genitori

Potrebbe interessarti