Dimesso il piccolo Eitan: torna a casa il bimbo sopravvissuto alla strage della funivia Stresa-Mottarone

Arrivano nuove notizie che riguardano il piccolo Eitan, il piccolo bimbo unico sopravvissuto alla strage della funivia Stresa-Mottarone, l’incidente sul quale si continua indagare. Lo stesso incidente in cui hanno perso la vita i genitori del piccolo che, stando alle nuove su di lui, avrebbe saputo dell’incidente.

Di questi momenti invece la notizia che riguarda le dimissione del piccolo Eitan dal Regina Margherita di Torino.

Strage funivia Stresa-Mottarone: dimesso il piccolo Eitan

Sciolta la prognosi su Eitan circa una settimana fa, le condizioni del piccolo bimbo giunto gravissimo al Regina Margherita di Torino dopo il drammatico incidente della funivia Stresa-Mottarone, sono migliorate.

Un miglioramento che ha portato oggi i medici a firmare i documenti che hanno permesso le sue dimissioni dall’ospedale.

Il piccolo Eitan informato dell’incidente

Il piccolo Eitan, prelevato da un’ambulanza, ha infatti fatto ritorno a casa a Pavia accompagnato dalla zia. Sempre di questi giorni la notizia che era arrivata per voce dell’avvocato della famiglia del piccolo bimbo di 5 anni che che, intercettata da La Repubblica aveva reso noto come al piccolo, una volta cosciente, sarebbe stato comunicato l’accaduto.

Purtroppo lo sta imparando attraverso la famiglia e gli psicologi, con tutta la delicatezza del caso – le parole del legale spiegando come è avvenuta la narrazione della strage al piccolo che, nell’incidente, ha perso i genitori – [..] Per fortuna accanto a lui ci sono la zia, la nonna paterna e il nonno materno. Altri parenti sono saliti da Israele, si tratta di una grande famiglia che sta facendo tutto il possibile di aiutarlo, insieme alle psicologhe“.

Quanto alle sue condizioni, il piccolo Eitan sarebbe in ripresa ma continuerà il suo percorso terapeutico soprattutto dal punto di vista psicologico, motivo per cui saranno numerose ancora le visite di controllo a cui verrà sottoposto.

Approfondisci

Funivia Stresa-Mottarone, il gestore dell’impianto Nerini sul risarcimento alle famiglie: “Prima cosa che farò”

Funivia Stresa-Mottarone, la decisione del Gip di Verbania sui tre fermati. Fuori dal carcere e domiciliari solo per Tadini

Funivia Stresa-Mottarone, la versione di uno degli arrestati dopo la strage: “Messo forchettone altre volte”