Economia

Cashback e Super Cashback arriva la sospensione. Ritardi nei pagamenti: slitta tutto

Nonostante il piano iniziale, il piano dei rimborsi accuserà ingenti ritardi
Cashback sospeso. Ritardi nei rimborsi

Cashback sospeso, l’operazione lanciata dal Conte-bis per incentivare gli acquisti utilizzando il pos, è arrivata alla fine del suo percorso anche se non si può propriamente parlare di fine. Sempre in merito all’operazione, stando a quanto trapelato, ci sarebbero anche dei ritardi nei pagamenti e nei rimborsi.

Cashback e Super Cashback sospesi

Le operazioni Cashback e Super Cashback sono state sospese, questo è quanto emerso dallo schema del pre-consiglio dei ministri.

La sospensione avrà inizio a partire dal 1 luglio ma non si tratterebbe di una fine definitiva. Infatti, sempre stando a quanto trapelato, il Cashback tornerà nel 2022, per la precisione nel primo semestre.

Pare però che ci saranno dei ritardi nei rimborsi, che partiranno dopo diversi mesi. Si parla di una tempistica che ricadrà intorno al mese di novembre. Fin dal suo insediamento, il Presidente del Consiglio Mario Draghi aveva espresso forti dubbi sulla questione Cashback, tant’è che questo non figura nel Pnrr.

Ritardi nei rimborsi di Cashback

Sempre stando a quanto trapelato dallo schema del pre-consiglio dei ministri, i rimborsi di Cashback inizieranno entro il 30 novembre del 2021 per quelli relativi al primo semestre dell’anno in corso, mentre per quelli del prossimo anno, i rimborsi cadranno entro il 30 novembre 2022.

Un ritardo ingente rispetto a quanto previsto dal piano iniziale, ovvero 60 giorni dalla fine di ciascun periodo.

Nella bozza, che deve ancora essere approvata, è stato stabilito un termine di 120 giorni per fare reclamo e 30 concessi al Consap-Concessionara Servizi Assicurativi Pubblici, per la valutazione.

A quanto ammontano i rimborsi di Cashaback

I rimborsi stabiliti per l’operazione Cashback partono dalla somma di 150 euro, mentre ammontava a 1500 euro il Super Cashback, la lotteria degli scontrini, che pare non sarà erogato.

Sono quasi 9 milioni i cittadini che hanno partecipato all’operazione Cashback per tutto il primo semestre, una cifra enorme di transazioni che è arrivata quasi a toccare 8milioni di pagamenti col pos. Saranno circa 6milioni quelli che riceveranno il rimborso di 150 euro; i dati sono stati monitorati dal portate Io Italia.

Se l’operazione Cashback è stata sospesa, lo stesso non si può dire dell’App Io che invece rimarrà attiva dato che è diventata un punto d’accesso telematico ai servizi della Pubblica Amministrazione, alle comunicazione e all’informazione.

Potrebbe interessarti