Cronaca dal Mondo

Kabul, Afghanistan: il presidente Ghani ha lasciato il Paese. Stasera il volo per rimpatriare gli italiani

Le cose si muovono velocemente a Kabul, in Afghanistan: il presidente Ashraf Ghani ha lasciato il Paese. Mentre stasera partirà il volo per rimpatriare gli italiani ancora nel Paese.
Ashraf Ghani

Il presidente Ashraf Ghani avrebbe lasciato l’Afghanistan. Prima i negoziatori talebani si sono diretti al palazzo per un trasferimento pacifico dei poteri. Il ministro dell’Interno afghano ad interim, Abdul Sattar Mirzakwal, ha confermato, che sarà un “pacifico passaggio di poteri verso un governo di transizione“. I media internazionali spiegano che sarà l’ex ministro dell’Interno ed ex ambasciatore in Germania Ali Ahmad Jalali a guidare il governo di transizione. A rivelare intanto che il presidente Ashraf Ghani avrebbe lasciato il Paese sarebbe l’agenzia locale Tolonews.

Il presidente Ghani ha lasciato il Paese

Le cose si muovono sempre più velocemente in Afghanistan.

Dopo l’entrata a Kabul del talebani, ora emerge la notizia che il presidente avrebbe lasciato il Paese insieme anche ai suoi stretti collaboratori, tra cui anche il vicepresidente Amrullah Saleh. Ghani sarebbe trasferito al momento in Tagikistan, riporta Ansa alcuni media locali. Intanto a Kabul si tratta la resa.

Il volo degli italiani per rientrare

Gli italiani ritorneranno questa sera, nel giorno di Ferragosto, alle ore 21.30 quando il loro volo partirà dall’aeroporto di Kabul.

Gentile connazionale, facendo seguito agli inviti formulati a lasciare il Paese, le comunichiamo che, visto il grave deterioramento delle condizioni di sicurezza, viene messo a disposizione dei cittadini italiani un volo dell’Aereonautica Militare nella giornata di domani 15 agosto alle ore 21.30 circa dall’aeroporto di Kabul. Le formuliamo l’invito a lasciare il Paese con questo mezzo“, riporta AdnKronos la mail inviata dall’ambasciata di Kabul ai connazionali italiani presenti in Afghanistan.

Intanto, i militari italiani starebbero organizzando anche l’evacuazione di tutti i collaboratori afghani dei ministeri della Difesa e degli Esteri.

Questo dovrà avvenire “nel più breve tempo possibile, attraverso un ponte aereo assicurato con voli commerciali e con aerei KC767 dell’Aeronautica Militare“, spiega lo Stato Maggiore della Difesa, riportato da Tgcom24. Mentre si aspetta il volo di questa sera, stanno facendo il giro del mondo le immagini degli elicotteri militari che evacuavano il personale che ancora si trova all’interno dell’ambasciata americana.

Potrebbe interessarti