Cronaca Nera

Omicidio Laura Ziliani, a quanto ammontava il patrimonio della donna uccisa. I dettagli a Storie Italiane

Fin da subito l'ipotesi del movente economico è stata la prima pista seguita dagli inquirenti. Laura Ziliani era infatti in possesso di un ingente patrimonio, in parte ereditato dal marito
Laura Ziliani la donna scomparsa in alta Val Camonica

Laura Ziliani aveva un ingente patrimonio, è questo l’ultimo importante aggiornamento sull‘ex vigilessa di Temù scomparsa lo scorso 8 maggio e ritrovata sepolta nei pressi del fiume Oglio l’8 agosto. Ad essere arrestate per la morte della donna ci sono tre persone due delle figlie di Laura Ziliani, Silvia e Paola Zani e il fidanzato di una delle due, Mirto Milani.

I tre, secondo quanto emerso dalle indagini, avrebbero orchestrato un piano omicida per mettere le mani sull’ingente patrimonio della donna, fatto soprattutto di immobili.

Laura Ziliani: a quanto ammontava il suo patrimonio

Il caso dell’omicidio di Laura Ziliani è stato trattato durante la trasmissione Storie Italiane nella puntata in onda venerdì 1 ottobre.

Durante la trasmissione è stato affrontata il tema del presunto movente dell’omicidio dell’ex vigilessa di Temù ovvero la volontà di appropriarsi dell’ingente patrimonio della donna.

Secondo quanto fatto trapelare durante la trasmissione, il patrimonio di Laura Ziliani ammontava a circa 3milioni di euro tra immobili e terreni, molti arrivavano dall’eredità dal marito di Laura, scomparso prematuramente nel 2012.

Non tutto però era intestato a Laura, una parte (2/3) era intestata a tutte e tre figlie, compresa Lucia. Si tratta di 25 immobili, per un totale di 918 mq, 11 terreni adibiti a coltivazione e pascolo per un totale di 18’950 mq, tutti distribuiti tra i vari comuni, Brescia, Concesio, Malonno e Temù, e poi ancora le entrate economiche di Laura Ziliani tra stipendio, pensione di invalidità e reversibilità per la morte del marito.

Secondo quanto fatto trapelare durante la trasmissione, Silvia, Paola e Mirto pare fossero preoccupati proprio che la terza sorella potesse essere finita sotto la tutela della nonna o la zia e per loro sarebbe stato difficile mettere le mani sul patrimonio.

Il ruolo di Mirto Milani nella vicenda della morte di Laura Ziliani

Durante la trasmissione Storie Italiane è stato affrontato anche l’argomento Mirto Milani, terzo arrestato nel caso dell’omicidio di Laura Ziliani. Mirto dovrebbe essere il fidanzato di una delle due figlie, eppure sembrerebbe che il ragazzo avrebbe intessuto una sorta di relazione anche con l’altra. Il sospetto è che Mirto Milani possa aver in qualche modo raggirato le due sorelle; durante il programma è stato anche analizzato l’anomalo comportamento della madre del ragazzo, non inserita nel registro degli indagati, che si sarebbe immediatamente trasferita nella causa di Laura Ziliani e, stando ai racconti dei vari cittadini di Temù, si sarebbe interessata anche alla gestione del patrimonio della donna.

Potrebbe interessarti