Programmi TV

Caso Mietta a Ballando con le stelle, Selvaggia Lucarelli replica: “Se non sei vaccinata devi stare a casa”

Scoppia la polemica Mietta a Ballando con le stelle e dopo gli attacchi ricevuti a Domenica In Selvaggia Lucarelli replica con le Storie di Instagram, dove spiega il suo punto di vista
selvaggia lucarelli mietta ballando con le stelle

Selvaggia Lucarelli torna sulla questione Mietta esplosa ieri sera a Ballando con le stelle sulle sue Storie di Instagram. La cantante è risultata positiva al Covid-19 e la giornalista le ha chiesto se fosse vaccinata, facendo nascere una grande polemica. Il caso Mietta è stato poi affrontato a Domenica In, dove Selvaggia Lucarelli è stata attaccata da alcuni ospiti per aver voluto entrare nel privato della vita della cantate, che ha dichiarato di non aver fatto il vaccino per motivi di salute. La giudice di Ballando con le stelle non ci sta, e approfondisce le sue ragioni spiegando che la vicenda non può essere banalizzata.

Selvaggia Lucarelli e il caso Mietta a Ballando con le stelle: polemica a Domenica In

La questione Mietta che è deflagrata durante la puntata di ieri a Ballando con le stelle continua a essere discussa. La cantate non ha potuto partecipare perché positiva al Covid, insieme al maestro di ballo Maykel Fonts, anche lui in quarantena.

Selvaggia Lucarelli ha chiesto a Mietta se fosse vaccinata, sollevando un polverone quando la cantante non ha voluto rispondere.

Quanto accaduto è stato discusso a Domenica In, dove Alessandra Mussolini e Pierluigi Diaco hanno attaccato Lucarelli dopo che Mariotto ha riferito che la cantante non si è vaccinata per motivi di salute. La giornalista risponde alle polemiche sul suo profilo Instagram, spiegando i motivi per cui la vicenda non può essere sottovalutata.

Selvaggia Lucarelli commenta su Instagram la vicenda Mietta

La giudice di Ballando con le stelle replica alle accuse rivolte contro di lei a Domenica In e lo fa dal suo profilo Instagram. “Volevo dire la mia sulla questione Mietta, approfondire un po’ quello che è accaduto ieri sera.

Non voglio rispondere a cose che ho sentito o mi hanno riferito dette in alcuni talk, volgarità, accuse etc, non mi interessano“, dichiara Selvaggia Lucarelli, “Io credo che la questione sia molto seria e meriti di essere approfondita in maniera seria. Voglio dire questo: è stato possibile arrivare a conoscere la positività di Mietta ieri sera perché i controlli di Ballando con le stelle e della Rai sono serratissimi, ve lo posso garantire“.

La giornalista dichiara di essere vaccinata e che i controlli le impongono di “esibire ogni sabato un tampone effettuato al massimo 48 ore prima, in più mi viene misurata la temperatura, firmo un’autocertificazione.

Da questo punto di vista il programma e la Rai vi posso garantire sono inattaccabili“. Lucarelli accusa di aver sentito “tante cose inesatte e imprecise” non solo “nel salotto già citato, ma anche da parte del Codacons, che ha riportato una nota manipolando completamente la realtà. Io non ho affatto insistito nel sapere se Maykel Fonts e Mietta fossero vaccinati. Ho solo chiesto se fossero vaccinati. Maykel mi ha risposto di sì, Mietta mi ha detto ‘Non rispondo’ e nessuno ha più posto la domanda, nessuno ha insistito, nessuno l’ha chiesto una seconda volta.

Non c’è stata alcuna violazione della privacy, c’è stata una domanda. Io credo legittima“.

I pericoli del Covid-19 a Ballando con le stelle

La giornalista spiega che “La questione non ha a che fare con il pruriginoso, il pettegolezzo, o il voler andare a sfrucugliare nella vita degli altri. Ballando con le stelle è un programma molto complesso, si lavora per mesi, per quasi un anno per realizzarlo, quindi la positività di uno di noi può provocare moltissimi problemi, sia dal punto di vista lavorativo che dal punto di vista della salute“.

Essendo una produzione complessa, infatti, “una persona che si ammala può contagiare tantissime altre persone e comunque ne lascia a casa inevitabilmente qualcuna. Ieri sono andati a casa truccatori, parrucchieri, Maykel non ha potuto ballare. È chiaro che vengono coinvolte tante persone che dopo un anno così difficile hanno voglia di lavorare“.

Ci sono poi rischi per la salute, dato che “una persona che si ammala con i sintomi o senza può far ammalare altre persone. Noi quest’anno nel cast abbiamo persone ultra 80enni, abbiamo persone che non sono state bene, persone che non stanno ancora bene, quindi naturalmente se si infetta qualcun altro si fanno correre dei rischi a qualcun altro“. Selvaggia Lucarelli garantisce che sia i giudici che i ballerini professionisti sono vaccinati e che “il cast dei concorrenti vip è quasi tutto vaccinato, Roberta Bruzzoni e Alberto Matano sono vaccinati. Insomma, siamo tutti molto attenti a tutelare la nostra salute e la salute degli altri“. In ogni caso, come prevede la legge, “chi non è vaccinato deve esibire il green pass, il tampone negativo ogni 72 ore“.

Selvaggia Lucarelli: “Mietta poteva stare a casa”

La giudice entra poi nel merito dell’affaire Mietta, spiegando che per Ballando con le stelleci si affida anche molto al buon senso dei concorrenti“. Proprio qui la cantante avrebbe toppato per la giornalista, che non lesina una frecciatina al collega giudice: “Mietta oggi ha fatto sapere tramite Mariotto, che ora fa l’ambasciatore della salute altrui, che lei non ha fatto il vaccino per vaghi problemi di salute, che comunque evidentemente non le impediscono di fare un programma che è molto impegnativo sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psicologico. E qui secondo me arriviamo al nocciolo della questione: è un tema di responsabilità individuale. Ballando è un programma molto corale, e di grande contatto fisico. Se una persona non si vaccina perché è ideologicamente contraria al vaccino, è un no-vax, oppure perché ha problemi, non può vaccinarsi come sembra nel caso di Mietta, dal mio punto di vista deve stare a casa“.

L’accusa è di esporre “a rischi così gravi persone molto più fragili, anziane, che non stanno bene e soprattutto vai anche a esporre a un grande rischio dal punto di vista lavorativo un’intera produzione che lavora da quasi un anno a un evento televisivo che dura due mesi“. Selvaggia, inoltre, mette in dubbio le ragioni della cantante, che comunque dal suo punto di vista sono secondarie.

A me che Mietta non si è vaccinata per problemi di salute che sono un grande cavallo dei no-vax, ma comunque facciamo che ci crediamo, o per ragioni ideologiche non cambia niente“, commenta, “In una situazione del genere è meglio che tu stia a casa. Oppure proprio al limite se ti si chiede una domanda del genere ti togli dall’imbarazzo dicendo ‘Guarda purtroppo non ti posso dire la ragione per cui non mi sono vaccinata, perché sono problemi di salute, sono cavoli miei, però posso dirti che non appena supererò questo problema mi vaccinerò e non vedo l’ora’. Perché in quel momento ieri stava passando un messaggio che io non voglio passi, ovvero che una persona vaccinata si era ammalata e questo non era vero“.

“Non esporrei persone fragili a questi rischi”

Selvaggia Lucarelli conclude spiegando che la sua non è stata un’invasione della privacy, in quanto “Chi dice sono fatti suoi sbaglia, perché sono fatti di tutti quelli che partecipano a quel programma e che rischiano di ammalarsi entrando in contatto con altre persone. Io credo id aver esercitato il mio diritto sacrosanto di fare una domanda, così come lei ha esercitato il suo diritto di dire ‘non voglio rispondere’, salvo poi ripensarci e dando francamente risposte piuttosto fumose“.

La giornalista conclude sostenendo che “se io non fossi vaccinata, per convinzione o a maggior ragione questioni di salute, essendo convinta che il vaccino sia utile a tutelare la mia salute e quella degli altri, io non farei un programma del genere, non esporrei altre persone a un rischio. Penso a Memo Remigi, a Valeria Fabrizi, a chi a Ballando con le stelle siede accanto a me e ha avuto problemi di salute e io voglio tutelare sempre e fino in fondo. Io non avrei mai partecipato a Ballando con le stelle perché il Covid non è un trottolino molto amoroso, è un trottolino molto infido, che gira e può colpire chiunque in maniera del tutto imprevedibile. E se non vogliamo o possiamo in questo momento storico proteggere noi stessi, abbiamo sempre il dovere di proteggere gli altri“.

Potrebbe interessarti