Politica

Quarantena azzerata per i vaccinati con terza dose, ma non solo: il Governo cambia le regole anti Covid

Nuovo decreto e nuove regole sulla tanto dibattuta quarantena dopo un contatto con un positivo al Coronavirus: cambia tutto per chi ha fatto la terza dose di vaccino anti Covid, ma non solo.
Quarantena azzerata per i vaccinati con terza dose, ma non solo: il Governo cambia le regole anti Covid

Il decreto che ha appena visto la luce, all’esito del Consiglio dei ministri di poche ore fa, prevede un sensibile cambio di rotta destinato a incidere sul percorso dei vaccinati contro il Coronavirus. Nello specifico, il Governo ha deciso di azzerare completamente la quarantena per chi ha ricevuto a terza dose di vaccino (“booster”), ma non è la sola novità sul tema.

Quarantena azzerata per i vaccinati con terza dose di vaccino anti Covid

Per capire esattamente il focus della svolta imposta dall’ultimo decreto-legge che introduce “misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria“, approvato in Cdm nella serata di ieri, occorre anzitutto fissare in testa al discorso un concetto: quarantena.

Intorno a questo, infatti, gravita buona parte del bagaglio di novità introdotte dal Governo poche ore fa.

Secondo quanto precisato nelle Faq pubblicate dal Ministero della Salute sul punto, per “quarantena” si intende il protocollo applicato in via precauzionale a “una persona sana (contatto stretto) che è stata esposta ad un caso COVID-19, con l’obiettivo di monitorare i sintomi e assicurare l’identificazione precoce dei casi“.

La decisione dell’esecutivo incide su questo approccio e va ad azzerare la quarantena precauzionale per chi ha ricevuto la terza dose. Per chi ha eseguito l’ultima vaccinazione da oltre 4 mesi, la quarantena resta, ma l’isolamento scende da 7 a 5 giorni con tampone negativo. Per i non vaccinati resta di 10 giorni. Ma ci sono altre novità nel testo.

Quarantena: le altre novità oltre l’azzeramento con terza dose

Il decreto prevede inoltre una novità per chi non ha ricevuto la terza dose, ma ha completato le due dosi del ciclo vaccinale primario entro gli ultimi 4 mesi: anche in questo caso, niente quarantena precauzionale.

Vale quindi per tutti coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati Covid positivi nei 120 giorni dal completamento del ciclo base di vaccinazione, booster escluso, o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione del richiamo.

Il documento confezionato dal Governo con le nuove regole include un’altra novità riguardante le predette categorie di vaccinati: fino al 10° giorno successivo all’esposizione al caso positivo, obbligo di indossare mascherine FFp2 e di effettuare – solo se sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al 5° giorno dall’ultima esposizione.

La cessazione della quarantena consegue all’esito negativo del test (che può essere condotto anche presso strutture private).

Le regole in vigore in precedenza, per i contatti stretti di persone positive al Coronavirus, prevedevano un periodo di quarantena di 7 giorni per i vaccinati e 10 giorni per i non vaccinati (quest’ultima resta ancora valida), ferma restando la necessità di sottoporsi a tampone.

Potrebbe interessarti