Gossip

Donatella Rettore, il rapporto con la famiglia e il dolore per la morte del padre: “Per me è stata una tragedia”

Rettore, ospite a Oggi è un altro giorno, ripercorre la sua carriera e la sua vita privata svelando il rapporto speciale che la legava a suo padre e l'adolescenza passata in collegio.

Donatella Rettore o, come vuole farsi chiamare lei, solamente Rettore, ospite su Rai 1 ha ripercorso la sua carriera, la sua vita privata e la sua esperienza all’ultimo Festival di Sanremo in coppia con la giovanissima Ditonellapiaga con il brano Chimica.

Donatella Rettore, il dolore per la morte del padre

Reduce della sua avventura con Ditonellapiaga al Festival di Sanremo 2022, la Rettore ospite a Oggi è un altro giorno su Rai 1 ha raccontato un po’ di sé. Oltre a ripercorrere la sua carriera, ha svelato anche alcuni dettagli sulla sua vita privata e i suoi rapporti familiari. La cantante di Splendido Splendente ha rivelato il legame speciale che la univa a suo padre, Sergio Rettore.

È stato ed è il grande amore della mia vita. – ricorda –  Il papà è l’uomo ideale, che ti difende un po’ dalla madre. Per me la sua morte è stata una tragedia, l’unico modo di sfogarmi era scrivere e cantare per lui. Lui un giorno mi disse: ‘Sei l’unica stella della mia vita’. Mi venne un groppone terribile. Da quel momento mi seguì ovunque”.

Il rapporto con la madre

La cantante ricorda anche sua madre e le sue raccomandazioni: “Io sono nata per sbaglio, mia madre (Teresita Pisani, nobildonna e attrice goldoniana, ndr) non ci pensava neanche più.

Mia madre mi ha raccontato, per lei è stato un grande choc. Mi sarebbe piaciuto avere una famiglia numerosa, io non sono nata per essere figlia unica.

 In realtà i genitori di Donatella Rettore hanno avuto anche altri 3 figli, tutti purtroppo morti dopo pochi giorni. La scelta del nome “Donatella” deriva infatti dal fatto che fosse l’unica figlia nata in salute, un “dono”. Su sua madre, la cantante aggiunge che: “Aveva paura che soffrissi. Io ho sofferto, ma in tutte le professioni si soffre”.

L’adolescenza della Rettore in collegio

Donatella Rettore ha raccontato anche alcuni dettagli della sua giovinezza e adolescenza passata in collegio dalle suore che, come sottolinea la cantante stessa durante l’intervista, sono anche citate nel testo del brano sanremese Chimica.

La frase sulle suore della canzone? – afferma infatti la cantante – Alcune suore sono da ricordare, altre suore sono fetenti.

Mi hanno anche maltrattato. Per andare a dormire, io dovevo spogliarmi sotto le lenzuola, perché se mi vedevano in canottiera mi davano della ragazza di strada”.

Rettore svela poi una curiosità sul backstage della sua partecipazione a Sanremo 2022. Ridendo, afferma infatti che: Dopo Sanremo mi ha scritto una mia compagna e mi ha detto che non sono cambiata per niente”.

Rettore e Ditonellapiaga: la loro esperienza a Sanremo 2022

Ovviamente nell’intervista a Oggi è un altro giorno, Rettore ha avuto modo di parlare anche della sua esperienza al Festival di Sanremo e del felice sodalizio con la giovanissima Ditonellapiaga, con cui sembra esserci davvero molta chimica. La veterana racconta che: “Lei è la mia bimba. Era talmente contenta di aver cantato sul palco di Sanremo che mi ha abbracciato e dato un calcio. Condividere il palco aiuta ad allentare la tensione.

Infatti alla fine dell’esibizione ridevamo”.

Potrebbe interessarti