Politica

Ucraina, scuola bombardata nel Donetsk: 2 insegnanti uccisi, Zelensky nascosto con la famiglia

Una scuola è stata bombardata in mattinata a Gorlovka: distrutte diverse risorse militari ucraine, la popolazione è in fuga mentre Zelensky si teme sia principale obbiettivo russo.
Ucraina, scuola bombardata nel Donetsk: 2 insegnanti uccisi, Zelensky nascosto con la famiglia

Secondo giorno di fuoco nel Donbass: peggiora la situazione, con le forze russe che, nelle ultime ore, sono arrivate a Kiev, nel quartiere degli uffici governativi.

Stamattina il dramma maggiore si è consumato a Gorlovka, nella Repubblica popolare di Donetsk, dove una scuola è stata bombardata e due insegnanti sono rimasti uccisi.

Gorlovka, muoiono due insegnanti e ci sarebbe una persona ferita

Nella guerra in Ucraina muoiono soldati e civili. È già stato disatteso il -presunto- proposito della Russia di attraversare i territori ucraini evitando ferite a strutture e persone non militari, e a Gorlovka, nel cuore del Donbass ne hanno pagato il prezzo: su telegram il sindaco della città, Ivan Prihodko, ha comunicato che “due insegnanti sono stati uccisi in un attacco alla scuola numero 50”, aggiungendo poi che ci sarebbe anche una persona ferita.

Ucraina, cittadini in fuga, si aprono le frontiere di Romania e Polonia

I cittadini ucraini continuano a darsi alla fuga, mentre i Paesi vicini si preparano ad accoglierli: su Ansa vengono riportate le parole di Fabio Prevedello, presidente dell’Associazione europea Italia-Ucraina, che dichiara: “Questa notte Romania e Polonia hanno aperto le frontiere.

Fanno passare donne, bambini e anziani. C’è assistenza aiuto e sostegno per i profughi appena passato il confine. Ci sono lunghe code ma ci si muove. È permesso il passaggio con qualsiasi documento che dimostra l’identità”.

Nel frattempo le forze russe puntano, ovviamente, ad annientare le risorse militari ucraine: al momento si contato 5 droni, 5 aerei e un elicottero abbattuti, nonché 14 sistemi antimissilistici distrutti.

Kiev, attacco al centro: Zelensky nascosto con la famiglia

A Kiev i carri armati dell’unità Z sono entrati in città arrivando al centro, dove al momento ci sono esplosioni e spari: non è il primo attacco diretto alla capitale, dove nella notte sono stati lanciati missili russi.

Questi stessi attacchi notturni sarebbero stati negati dalla Russia, che ha invece confermato la distruzione delle risorse militari.

Il presidente ucraino Zelensky è stato nascosto con la sua famiglia, in quanto è considerato uno degli obbietti russi. Il Presidente avrebbe dovuto avere un contatto telefonico con il Presidente del consiglio Mario Draghi stamattina, che però è saltato.

Potrebbe interessarti