Politica

Zelensky si collega con Firenze: “Guerra cinica e crudele”e rinnova il suo appello per la No-Fly Zone

Il Presidente ucraino si è appellato ai cittadini affinché si uniscano a lui nella richiesta della creazione di una No-Fly Zone sull'Ucraina.
Zelensky si collega con Firenze: "Guerra cinica e crudele"e rinnova il suo appello per la No-Fly Zone

Il Presidente ucraino Zelensky è apparso in collegamento streaming con Firenze, dove si stava tenendo una delle manifestazioni di Eurocities organizzata dal sindaco Nardella. Nel corso del suo intervento Zelensky ha rilanciato il suo appello ai politici, chiedendo anche l’aiuto dei cittadini, per l’attivazione della No-Fly Zone.

Zelensky ha poi puntato nuovamente il dito contro la Russia e l’aggressione, definendola cinica e crudele. Le ultime notizie dal fronte della guerra non fanno presagire uno spiraglio di fine, il Presidente francese Macron ribadisce che Putin non solo non sembra intenzionato a voler porre fine al conflitto ma non ferma l’assedio di Mariupol; inoltre, il governo centrale sembrerebbe intenzionato a creare una nuova Repubblica Popolare nel Kherson.

L’occidente continua a muoversi con durissime sanzioni contro la Russia e i suoi oligarchi e per questo la borsa di Mosca resterà chiusa fino al 18 marzo.

Zelensky in collegamento con Firenze

Questa guerra non è stata iniziata da noi, questa è l’invasione cinica e crudele da parte della Russia, è la guerra contro il popolo ucraino“, così il Presidente ucraino Zelensky ha esordito ne sui collegamento con piazza Santa Croce a Firenze, dove si stava tenendo la manifestazione per la pace indetta dal sindaco Nardella insieme ad altre città europee.

“Viviamo una terribile guerra, l’Europa non ha visto qualcosa di simile dalla Seconda Guerra Mondiale. Questa guerra nn è solo contro gli ucraini ma contro i valori che ci uniscono, contro il nostro modo di vivere in Occidente”.

L’appello di Zelensky per una nuova No-Fly Zone

Zelensky continua senza sosta con il suo appello all’occidente affinché decreti l’attivazione della No-Fly Zone sui cieli dell’Ucraina, fermando così il rischio di bombardamenti aerei russi. Il presidente ucraino si è però rivolto ai cittadini questa volta, dicendo: “Dite ai vostri politici di chiudere i cieli dell’Ucraina dai razzi, dagli aerei russi, dai missili”.

Aggiungendo: “Le forze armate russe hanno circondato le città ucraine e le vogliono distruggere. Bombardano 24 ore su 24, bombardano le cliniche, le chiese, le piazze, che sono come le vostre. Oggi per noi potrebbe essere l’ultimo momento, come per quei 79 bambini ucraini distrutti da questa guerra. 79 famiglie che hanno perso la cosa più preziosa ma che devono continuare a combattere per il futuro”.

Zelensky ha poi concluso: “Sono convinto che voi cercherete di fermare la guerra come lo stiamo facendo noi.

Servono le sanzioni contro la Russia, affinché ogni soldato capisca la gravità di ogni proiettile contro i civili. Dobbiamo stare insieme nella Comunità europea, è importante per l’Ucraina”.

Potrebbe interessarti