Gossip

Drusilla Foer svela perché ha detto no diversi programmi dopo il Festival di Sanremo: cosa è successo davvero

Drusilla Foer torna in tv per commentare il suo lavoro dopo la partecipazione al Festival di Sanremo, spiegando perché ha rifiutato alcuni programmi che le sono stati proposti.
Drusilla Foer svela perché ha detto no diversi programmi dopo il Festival di Sanremo: cosa è successo davvero

Dopo sua la partecipazione al Festival di Sanremo, gli occhi erano tutti puntati su Drusilla Foer e il suo futuro in tv. Tra i tanti impegni per cui l’artista era stata presa in considerazione anche Ci vuole un fiore, successivamente affidato a Francesco Gabbani e Francesca Fialdini. Sui motivi che l’hanno infine spinta a rifiutare determinati programmi è tornata la diretta interessata nel corso di una recente intervista.

Drusilla Foer ospite di Diaco a Ti Sento

Tra gli artisti più chiacchierati nell’ultimo periodo c’è sicuramente Drusilla Foer, che dopo la partecipazione al Festival di Sanremo ha attirato ancora di più l’attenzione del pubblico.

Proprio dopo la kermesse musicale ci si sarebbe aspettato di vederla di più in tv, anche al timone di programmi piuttosto importanti.

L’occasione, a ben vedere, si è presentata subito e all’artista è stato proposto Ci vuole un fiore, format green che in seguito è stato affidato a Francesco Gabbani e Francesca Fialdini. Quando la notizia del suo rifiuto ha iniziato a fare il giro del web, si è ipotizzato che fosse “scappata a gambe levate” a causa del cast e del progetto in sé, ma sembra che le cose non stiano esattamente in questo modo.

Lo ha rivelato la stessa Foer nel corso di un’intervista con Pierluigi Diaco, che ieri è tornato su Rai2 con il programma Ti sento.

Se non sbaglio lei dopo la sua partecipazione al Festival di Sanremo ha ricevuto moltissime proposte dal punto di vista televisivo. Ha detto più no che sì…” ha anticipato il conduttore, lasciando poi rispondere l’artista.

Drusilla Foer: perché non ha accettato le proposte di programmi in tv

Direi il 97% di no. Che c’era da dire? Ho accettato le cose dove mi era possibile esprimere una parte di me. È chiaro che dopo Sanremo ci sono state…alcune cose non ho avuto nemmeno il tempo” anticipa Drusilla, rivelando dunque che a volte è stato è stato il quantitativo di impegni ad impedirle di abbracciare alcuni progetti che le sarebbero piaciuti.

“Non ho creduto che fosse costruttivo cavalcare il successo di una serata importante come Sanremo per divorare gli spazi televisivi, per raccontare cosa?

Che è andato bene Sanremo? Quello che sono io? Un po’ s’è visto a Sanremo. Ci sarà tempo per raccontare quello che sono” spiega subito dopo, dimostrando di essersi a lungo soffermata sul suo futuro in tv.

Drusilla Foer, dove la vedremo nel prossimo futuro

Drusilla Foer ha dunque rinunciato alla conduzione di Ci vuole un fiore per motivi ben diversi da quelli che sono stati ipotizzati dall’inizio.

L’artista però, in realtà, non ha perso tempo e ha infine accettato un’altra prestigiosa proposta.

Prossimamente infatti sarà al fianco di Carlo Conti per condurre i David di Donatello, una serata in cui sarà premiato il meglio del cinema italiano dell’ultimo anno. La serata andrà in onda su Rai1 il 3 maggio 2022 e sarà un vero banco di prova per la Foer – anche se fino ad oggi si è distinta proprio per la sua eleganza e la capacità di leggere perfettamente il contesto che la circonda.

Potrebbe interessarti