Vai al contenuto

Bonus 200 euro, accise e bollette: tutte le novità previste dal Decreto aiuti per 14 miliardi

Pubblicato: 03/05/2022 17:43

Il nuovo bonus da 200 euro, previsto nel decreto aiuti , è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei ministri. Il testo include circa 50 articoli e vede un investimento di 14 miliardi di euro, senza nessuno scostamento di bilancio. I fondi arrivano da un’altra misura prevista nello stesso decreto, ovvero l’aumento al 25% delle tasse sugli extra profitti realizzati delle grandi aziende energetiche.  

Il decreto contiene una serie di misure piuttosto urgenti, fini a contrastare la crisi scaturita dall’invasione russa in Ucraina. I temi toccati sono parecchi, dall’energia alle politiche sociali, passando anche per il mondo del lavoro e le imprese.  

Bonus 200 euro: la novità del decreto aiuti 

Il lungo testo del decreto aiuti tocca alcuni punti cardine, concentrando gli aiuti negli ambiti in cui occorrono maggiormente. La novità più importante è il nuovo bonus. Questo ammonterà a 200 euro una tantum e verrà attivato a giugno o luglio. Interesserà pensionati, lavoratori dipendenti ed autonomi, con un reddito fino a 35mila euro, ma bisogna ancora attendere i dettagli, che arriveranno nei prossimi giorni.

Decreto aiuti: energia e politiche sociali

Dal punto di vista della crisi energetica, nei nuovi interventi previsti dal Decreto aiuti è stato ridotto il costo per la realizzazione degli impianti di produzione energetica, puntando ad un potenziamento della produzione nazionale.  

È prevista anche un’estensione al terzo trimestre del 2022 per il bonus sociale energia elettrica e gas, rafforzando contestualmente anche i crediti d’imposta a favore delle imprese per energia e gas. Viene anche rinnovato fino all’8 luglio il taglio di 30 centesimi delle accise che colpiscono la benzina, estendendolo anche al metano.  

Il bonus sociale per le bollette diventerà retroattivo, con una compensazione automatica delle eccedenze pagate in passato nelle nuove bollette, una volta presentato l’Isee. Verrà anche esteso il bacino di beneficiari del bonus energia, mentre si parla anche di un supporto per studenti e lavoratori per la sottoscrizione degli abbonamenti ai mezzi pubblici.  

Imprese ed enti: le novità del decreto aiuti 

Oltre al bonus da 200 euro e agli interventi sociali, il decreto aiuti contiene anche delle misure dirette alle imprese. Soprattutto dal punto di vista del rincaro dei materiali, il Governa ha pensato degli aiuti rivolti alle imprese che hanno preso appalti pubblici, contribuendo ad assorbire gli aumenti dei prezzi di materie prime, energia e benzina. 

Vengono stanziati anche 200 milioni di euro a fondo perduto in favore di tutte quelle imprese colpite dalla guerra in Ucraina che hanno subito delle conseguenze effettive. Queste, possono essere una perdita di fatturato, una contrazione della domanda, l’interruzione di contratti e progetti o il coinvolgimento nella crisi degli approvvigionamenti.  

Per le regioni e gli enti locali, invece, il decreto aiuti prevede un incremento di 200 milioni di euro dell’investimento statale nel Servizio sanitario nazionale, che andranno ad unirsi ai contributi normalmente stanziati per questo settore. Ai comuni con più di 800 mila abitanti, invece, spetteranno nuovi contributi fini a rafforzare gli interventi del Pnrr.   

Bonus: accoglienza ed edilizia 

Infine, tra i principali punti contenuti nel nuovo decreto aiuti, vi sono anche conferme in merito alle indiscrezioni che da tempo circolavano sul bonus 110. Il bonus ora potrà essere richiesto anche da persone fisiche, oltre a riguardare le spese sostenute entro il 31 dicembre a condizione che entro il 30 settembre sia stato svolto il 30% dell’intervento complessivo.  

Per i comuni che decideranno, invece, di accogliere le persone richiedenti protezione temporanea sarà previsto un bonus. Questo riguarda l’erogazione di servizi sociali alle persone, per un limite di 40 milioni di euro complessivi. I comuni che accoglieranno un minore proveniente dall’Ucraina, senza genitori, riceveranno un rimborso dei costi sostenuti fino ad un limite di 100 euro giornalieri per minore.  

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 03/05/2022 17:44