Vai al contenuto

Liliana Segre: “Non mi devo discolpare per ciò che fa Israele”. Le parole al Memoriale della Shoah

Pubblicato: 30/01/2024 22:32

“Lo scorso 27 gennaio sono successe cose che mi hanno lasciato sgomenta. Io non penso proprio di dover rispondere, di dovermi discolpare, in quanto ebrea di quello che fa lo Stato di Israele”. Queste le parole della senatrice a vita Liliana Segre durante il discorso al Memoriale della Shoah, occasione in cui ha parlato della sua deportazione nell’anniversario degli 80 anni.
Leggi anche: Gerusalemme, sputi a cristiani da parte degli ebrei ortodossi. Cosa sta succedendo
Leggi anche: Liliana Segre minaccia querela dopo le accuse dell’ex ambasciatrice Elena Basile: “Piange solo per i bambini ebrei”

“Trovo sbagliato mescolare cose completamente diverse, come hanno fatto tanti che hanno pensato di mettere in discussione il 27 gennaio per quello che sta succedendo a Gaza. Evidentemente hanno un bisogno spasmodico di fare pari e patta con la Shoah, di togliere agli ebrei il ruolo di vittime per antonomasia, di liberarsi da un inconscio complesso di colpa” ha detto Segre.

La senatrice ha poi concluso: “Questo fenomeno segnala anche un fallimento educativo in questi più di 20 anni dall’approvazione della legge: sembra che qualcuno abbia scambiato il Giorno della Memoria per una specie di regalo fatto agli ebrei, da revocare se gli ebrei si comportano male. Ma allora siamo davanti ad una catastrofe culturale”.

Leggi anche: Amadeus a Sinner: “Non volevo metterti in imbarazzo, capirò se deciderai di non venire a Sanremo”