Vai al contenuto

Nuovo concorso all’Agenzia delle Entrate: tempo indeterminato e stipendio da oltre 30mila euro

Pubblicato: 17/05/2024 10:21

L’Agenzia delle Entrate cerca 80 nuovi funzionari per le risorse umane e ha indetto un concorso pubblico nell’ottica del potenziamento del personale e in vista di un futuro turnover. Stipendio lordo annuo: 30mila euro. Sono quindi aperte le candidature da Nord a Sud dell’Italia e per partecipare c’è tempo fino alle 23.59 del 14 giugno. Per chi deve prepararsi è già disponibile il Manuale creato appositamente per questo concorso. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste il lavoro da funzionario per le risorse umane e come ci si può preparare per il concorso.
Leggi anche: Gigi D’Alessio, guai con l’Agenzia delle Entrate, l’impiegato: “Presi 20mila euro per risistemargli tutto”
Leggi anche: Agenzia delle Entrate, informazioni in cambio di soldi e pranzi al ristorante: tre funzionari arrestati

Il nuovo concorso dell’Agenzia delle Entrate

Alla procedura selettiva possono partecipare coloro che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, sono in possesso dei seguenti requisiti: a) laurea triennale (L) nelle seguenti classi di laurea o titolo equiparato: Scienze dei servizi giuridici (L-14); Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (L-16); Scienze dell’economia e della gestione aziendale (L-18); Scienze dell’educazione e della formazione (L-19); Scienze e tecniche psicologiche (L-24); Scienze economiche (L-33); Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36); Sociologia (L-40); oppure: – diploma di laurea in giurisprudenza, economia e commercio, psicologia, scienze dell’educazione, scienze della formazione primaria, scienze politiche, sociologia, conseguito secondo l’ordinamento di studi previgente al D.M. n. 509/99 o titolo equipollente per legge; oppure: – laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea secondo quanto stabilito dal decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Chi può partecipare

Alla procedura selettiva possono partecipare anche coloro che sono in possesso di titolo di studio conseguito all’estero, o di titolo estero conseguito in Italia, riconosciuto equipollente ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi, secondo la vigente normativa, ad una delle lauree sopra indicate; possono partecipare altresì coloro per i quali la procedura per il riconoscimento della suddetta equipollenza sia in corso, purché dimostrino di aver presentato la relativa richiesta, ai sensi delle disposizioni vigenti in materia, entro il termine ultimo di presentazione della domanda di partecipazione al presente concorso; cittadinanza italiana; posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari; godimento dei diritti politici e civili; idoneità fisica all’impiego.

Sono esclusi coloro che sono stati interdetti dai pubblici uffici, nonché coloro che sono stati destituiti o dispensati ovvero licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, ovvero sono stati dichiarati decaduti da un impiego statale a seguito dell’accertamento che l’impiego stesso è stato conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabili. L’Agenzia delle Entrate si riserva la facoltà, in ogni momento della procedura, di procedere, con atto motivato, all’esclusione dei candidati che abbiano riportato sentenze penali di condanna o provvedimenti equiparati ancorché non passati in giudicato o di patteggiamento, tenuto conto dei requisiti di condotta e di moralità necessari per svolgere le mansioni proprie dell’area funzionario, nonché del tipo e della gravità del reato commesso.

Come presentare le domande

Il candidato dovrà inviare la domanda di partecipazione al concorso esclusivamente per via telematica, autenticandosi con Spid/Cie/Cns/eIDAS, mediante la compilazione del format di candidatura sul Portale unico del reclutamento “inPa”, disponibile all’indirizzo internet https://www.inpa.gov.it/, previa registrazione sullo stesso Portale. 3.2 Per la partecipazione al concorso, il/la candidato/a deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (Pec) a lui intestato o di un domicilio digitale.

La registrazione, la compilazione e l’invio on line della domanda devono essere completati entro le ore 23.59 del trentesimo giorno successivo a quello della pubblicazione del bando. Tale termine è perentorio e la data di presentazione on line della domanda di partecipazione al concorso è certificata da apposita ricevuta scaricabile, al termine della procedura di invio, dal Portale “inPa”. Allo scadere del termine ultimo per la presentazione della domanda, non sarà più consentito l’invio della domanda di partecipazione. Ai fini della partecipazione al concorso, in caso di più invii, si terrà conto unicamente della domanda inviata cronologicamente per ultima, intendendosi le precedenti revocate e prive d’effetto. Non è ammessa altra forma di compilazione e di invio della domanda di partecipazione al concorso. Per la partecipazione al concorso deve essere effettuato, a pena di esclusione, il versamento della quota di partecipazione di 10 euro sulla base delle indicazioni riportate su Portale “inPa”. Il versamento della quota di partecipazione deve essere effettuato entro il termine di scadenza. Il contributo di ammissione sarà rimborsato in caso di partecipazione alla prova scritta.

Le prove scritta e orale e come prepararsi

La prova scritta consiste in una serie di quesiti a risposta multipla volti ad accertare la conoscenza delle seguenti materie che seguono: teoria dell’organizzazione e dei sistemi gestionali di risorse umane; sistemi di misurazione e valutazione della performance e del performance management; reclutamento, selezione, sviluppo del personale; progettazione, realizzazione e gestione di interventi formativi, inclusi i metodi e le tecniche di formazione; rapporto di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione; elementi di statistica. La prova è valutata in trentesimi. Sono ammessi alla prova orale i candidati che riportano il punteggio di almeno 21/30 e rientrano in graduatoria nel limite massimo di tre volte il numero dei posti per i quali concorrono. I candidati che si collocano a parità di punteggio nell’ultimo posto utile in graduatoria sono comunque ammessi alla prova orale. Prevista, poi, la prova orale per valutarne la preparazione professionale, le attitudini, le motivazioni anche con l’assistenza di personale esperto nella selezione del personale. Durante la prova orale si procede anche all’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese.
Leggi anche: La truffa dell’email dell’Agenzia delle Entrate. L’allarme della polizia: “Non seguite le istruzioni”

Continua a leggere su TheSocialPost.it