Vai al contenuto

Sepolto vivo per 4 giorni: 62enne viene salvato dalla polizia che aveva sentito le sue urla

Pubblicato: 18/05/2024 15:04

Un uomo di 62 anni è stato salvato dalla polizia quattro giorni dopo essere stato accoltellato e sepolto vivo a Glodeni, in Moldavia. L’uomo è stato aggredito da un giovane di 18 anni, che lo ha rinchiuso in un “caveau improvvisato”. Il 13 maggio, la polizia di Glodeni è intervenuta nell’omicidio di una donna di 74 anni avvenuta nella sua abitazione. Lo stesso giorno è stato arrestato un sospettato di 18 anni, parente del settantenne che viveva anche lui nel villaggio. Il sospettato è stato trovato ubriaco nella sua abitazione.

Durante l’interrogatorio, il giovane avrebbe rilasciato dichiarazioni confuse e incoerenti e, quando gli agenti hanno perquisito la sua casa, hanno sentito grida di aiuto provenire dalle vicinanze. Hanno quindi iniziato a scavare dall’area nella quale si udivano le grida, scoprendo l’ingresso di una sorta di sotterraneo improvvisato. Lì hanno trovato l’uomo, in evidente stato confusionale e con alcune ferite sul corpo. Secondo la polizia aveva riportato una ferita al collo. L’operazione di salvataggio è stata interamente filmata. La vittima ha raccontato alla polizia che quattro giorni prima era scoppiata una discussione tra lui e il giovane, che era un membro della sua famiglia. 

Il 62enne ha quindi raccontato alla polizia che stava bevendo insieme al 18enne quando i due hanno iniziato a litigare. Il ragazzo lo avrebbe ferirlo e chiuso nel seminterrato, per coprire l’ingresso con la terra. Secondo gli inquirenti, il ragazzo avrebbe ucciso l’anziana tra la sera di domenica, 12 maggio, e le prime ore di lunedì 13 maggio. “Era una donna molto rispettabile, nessuno ha mai avuto problemi con lei”, ha detto un vicino. l 62enne è stato invece trasportato in ospedale dove è stato assistito dal personale medico.
Leggi anche: Ucciso e sepolto in un campo dai compagni. Arrestati tre tredicenni

Continua a leggere su TheSocialPost.it