manuel proiettile

Martina, probabilmente, non riuscirà mai più a dimenticarsi quella maledetta sera: una festa con gli amici, poi un bicchiere al pub. Sotto la pioggia, ha visto il suo fidanzato Manuel Bortuzzo accasciarsi a terra, sotto il colpo di pistola che gli ha trafitto il midollo e che ora lo ha lasciato paralizzato. La testimonianza della ragazza è l’unica disponibile, oltre agli elementi forniti da una telecamera di sorveglianza che avrebbe ripreso l’intera scena.

Gli spari, poi si è accasciato

Martina era lì, ed è un puro caso che i proiettili non abbiano colpito anche lei, che era a pochi centimetri da lui. A raccontare com’è andata sono stati i suoi genitori, in un’intervista a Il Messaggero: “Martina ci ha raccontato tutto quello che ricorda e che ha già detto alla polizia: erano davanti a questo distributore di sigarette, pioveva molto forte, ha sentito gli spari e ha visto poi Manuel cadere a terra che le diceva: mi hanno sparato.

Ha sentito solo gli spari, entrambi erano di schiena. Ha visto Manuel che si toccava e che cadeva, è rimasta sotto choc. Ora ha paura e anche noi l’abbiamo”. Martina, infatti, a questo punto diventa una persona estremamente resinosa ed importante, non solo per gli inquirenti (che si basano sulla sua testimonianza) ma anche per chiunque abbia sparato.

La paura nasce sia dal timore di ritorsioni contro Martina, unica testimone, sia per il pensiero che basti andare a prendere una birra di sera per poter finire quasi ammazzati.

Uno scambio di persona

Per i genitori di Martina, non ci sono dubbi sul fatto che ci sia stato uno scambio di persona: “Non può essere altrimenti, sono tutti bravi ragazzi, li veda anche lei: sono piccoli non fanno altro che allenarsi in piscina e studiare. Vanno a scuola e poi agli allenamenti. Escono raramente”.

Magnini a Manuel: “Non mollare”

Dopo quanto è accaduto, il mondo del nuoto italiano si è stretto attorno alla famiglia di Manuel, e l’ex campione Filippo Magnini ha deciso di manifestare personalmente la sua solidarietà: “Forza Manuel!

Assurdo quello che ti è successo, assurdo quello che stai passando, assurdo quello che sta vivendo la tua famiglia. Prego e spero che avvenga il miracolo e che vada tutto a posto! Da nuotatore quale sei ti dico ‘Forza coraggio, lotta e non mollare mai’. Un abbraccio alla famiglia”.

manuel bortuzzo

Manuel in piscina