primo piano di annamaria franzoni

Guardandola oggi Annamaria Franzoni è una donna più matura nel fisico, cambiata nel corso di questi lunghi 17 anni trascorsi nel mirino dei riflettori della cronaca e dell’opinione pubblica. Era il 2002 quando il suo nome appariva per la prima volta sulle testate giornalistiche: la morte del piccolo Samuele, il processo, la condanna, i domiciliari. Il 7 febbraio scorso Annamaria Franzoni ha espiato tutti gli anni di condanna ed oggi è una donna, e una mamma, libera proprio come testimoniano gli scatti rubati dalla rivista Oggi.

Annamaria Franzoni tornata in libertà

Cammina forse in soprappensiero mentre con le mani tiene stretto un foglietto, probabilmente una lista della spesa. Oggi Annamaria Franzoni è una donna tornata alla libertà, alla sua vita dopo 6 anni di reclusione in carcere e 5 anni di detenzione domiciliare. Una pena inflittale per l’infanticidio del figlio Samuele Lorenzi che allora aveva solamente 3 anni. Un delitto consumato tra le mura domestiche a Cogne, in Valle d’Aosta, il 30 gennaio del 2002 e per il quale la Franzoni si è sempre professata innocente. In 3 gradi di giudizio però, la sentenza l’ha vista colpevole così come in ultima istanza in Cassazione, ove è stata definitivamente condannata nel 2008 a 16 anni di carcere.

annamaria franzoni mentre cammina intenta a raggiungere il supermercato
Le fotografie pubblicate dalla rivista Oggi in esclusiva che ritraggono Annamaria Franzoni intenta a fare compere pasquali. Fonte/Oggi

Leggi tutti gli articoli su Annamaria Franzoni

Il ritorno alla normalità tra spesa e uova pasquali

Dal 7 febbraio 2019 però, la Franzoni è tornata in libertà. I paparazzi della rivista Oggi l’hanno pizzicata mentre camminava fuori da un supermercato ad una 20ina di minuti dalla sua nuova casa a Monteacuto Vallese, frazione di San Benedetto Val di Sambro. In quella casa vive con il marito, Stefano Lorenzi, padre dei suoi 3 figli tra cui anche il piccolo Samuele. Come scrive Oggi, Annamaria Franzoni è stata anche immortalata mentre ripone nel bagagliaio della sua macchina uova pasquali e colombe, dolci della tradizione pasquale. Probabilmente i preparativi per i consueti festeggiamenti annuali che simboleggiano pieno ritorno alla più ordinaria quotidianità.

*immagine in alto: Porta a Porta