Spettacolo

Live – Non è la d’Urso, contropiede di Barbara: in studio arriva Matteo Salvini

Barbara d'Urso dopo la "prova" di domenica scorsa, giorno in cui è tornato sul piccolo schermo Live - Non è la d'Urso, comincia a giocare sul serio e in studio chiama Matteo Salvini
Barbara d'Urso e Matteo Salvini

L’aveva detto Barbara che la domenica sera sarebbe stata la giornata più difficile per incassare ascolti contro un colosso come Montalbano ma il suo Live – Non è la d’Urso non è riuscito a spiccare il volo nemmeno grazie alla riapertura del Caltagirone gate. Quell’11,08% di ascolti certo non soddisfa i canoni della d’Urso, abituata a tutt’altro share ma la conduttrice è pronta a riprendersi la serata con una mossa strategica invitando Matteo Salvini.

Live – Non è la d’Urso: corsa ai ripari

A lanciare l’indiscrezione è Dagospia che sembra svelare con largo anticipo la corsa ai ripari di Barbara d’Urso, reduce da un deludente ritorno in tv al timone di Live – Non è la d’Urso.

Ma ovviamente Barbara d’Urso non ci sta, prende atto della sconfitta e non si volta all’indietro per rimuginarci sopra troppo quanto più guarda invece in avanti, preparandosi alla prossima puntata che andrà in onda il venturo 22 settembre.

In studio arriva Matteo Salvini

Carmelita insomma, ci riprova e lo fa, a detta di Dagospia, con una carta vincente anche in solitudine ma che, ovviamente, approdato nel suo studio attirerà indiscutibile attenzione. Parliamo proprio di Matteo Salvini, l’ex ministro dell’Interno in questo momento discusso soprattutto per le parole espresse a Pontida e per la presunta e spacciata presenza di una delle bambine di “Bibbiano”.

E proprio Matteo Salvini non è nemmeno nuovo nello studio della d’Urso: in più occasioni l’ex ministro aveva presenziato ad esempio a Domenica Live.

Uno contro tutti?

Questa volta però Matteo Salvini potrebbe non essere solamente un ospite ma potrebbe prendere parte ad una delle “formule talk” dursiane. Quotata l’ipotesi che Salvini possa prendere parte all’uno-contro tutti, sedendosi al centro dello studio contro una schiera di pensatori a lui avversi così come non si esclude l’ipotesi che lo stesso Salvini possa trovarsi di fronte agli sferati, personaggi pro o contro che interloquiranno con lui mentre il pubblico da casa sarà chiamata a giudicarli attraverso il “live sentiment”.

Potrebbe interessarti