charlize theron

Charlize Theron, attrice americana di grande successo negli ultimi anni, non ha mai tenuto nascosto il suo passato difficile.

In un’intervista a Npr racconta il tragico evento che ha segnato la sua infanzia e la sua vita: l’uccisione di suo padre da parte di sua madre, per autodifesa.

Il fatto sconvolgente vissuto a soli 15 anni

La bella attrice racconta ai microfoni della radio americana Npr: “Mia madre ed io eravamo nella stanza e ci spingevamo contro la porta, lui era ubriaco e tentava di sfondarla. Nessuno di quei proiettili sparati da lui ci ha colpito, il che è solo un miracolo”.

La madre Gerda allora non ha esitato per difendere la vita della piccola Charlize e, impugnata la pistola, ha sparato al marito. “Mia madre si è dunque trovata costretta ad intervenire, uccidendo mio padre. Ma è stata assolta per legittima difesa” ricorda l’attrice.

Charlize confessa che questo momento l’ha segnata profondamente e ne ha temprato il carattere. Non mi vergogno di parlarne perché credo che più parliamo di questi fatti, più realizzeremo che non siamo soli nell’affrontare queste terribili vicende.

La mia storia storia fa capire cosa significa vivere con un tossicodipendente e quali effetti provoca sulle persone” conclude.

Il racconto delle molestia subita

Nel corso dell’intervista l’attrice 44enne parla anche del movimento Metoo e racconta la sua personale esperienza riguardo alle molestie nei confronti di attrici hollywoodiane. L’attrice, appena 19enne, doveva fare un provino presso un noto regista di cui non fa il nome. “Ero appena agli inizi. Non conoscevo tutti i dettagli del mestiere” racconta Charlize. Il regista la accolse in pigiama e offrendole un drink le accarezzò il ginocchio.

Mi sono data la colpa per non aver detto le cose giuste e non avergli detto di farsi un giro” confessa l’attrice “Ricordo solo di avergli detto: ‘Mi dispiace, devo andare via’, mentre cercavo di uscire da quella stanza”.