militari controllano i documenti

La Fase 2 si avvina sempre di più e l’emergenza coronavirus che ci ha tenuto in lockdown potrebbe presto terminare. Si attendono ancora comunicazioni ufficiali dal Governo che dovrebbero arrivare la prossima settimana, ma intanto, tra le notizie che trapelano, 4 date sembrano scandire i prossimi passi del Paese per tornare alla “normalità” che sarà di convivenza con il Covid-19.

Fase 2, prima tappa: 27 aprile

Come è stato detto spesso negli scorsi giorni, con le dovute misure di sicurezza, una prima tappa comincerà già da lunedì prossimo, 27 aprile. Con le dovute misure di sicurezza, dovrebbero ripartire le fabbriche di macchine industriali per l’agricoltura e la silvicoltura.

Per molte aziende cominciare a ripartire è un imperativo, la chiusura è stata lunga e prolungata e per alcuni il danno economico è quasi incalcolabile.

Fase 2: 4 maggio

Il 4 maggio è la data che tutti stanno aspettando. Adesso che i dati dei contagi diffusi dalla Protezione Civile ogni giorno sembrano confermare il trend positivo, l’obiettivo di tutti resta quello del primo lunedì di maggio, quando si potrà uscire, sempre seguendo linee guida molto specifiche e stringenti, e rivedere almeno parte della propria famiglia.

Ci sarà anche una nuova autocertificazione, ma a meno di rari casi non si potrà lasciare la propria Regione. Stando a quanto rivela il Corriere della Sera, quel giorno dovrebbero aprire tutti i cantieri, le industrie del tessile e della moda. Il 4 maggio ripartono anche Lotto e Superenalotto. Anche per gli amanti dello sport ci sono buone notizie:riparte anche lo sport all’aperto, jogging e bicicletta, da soli o mantenendo comunque le distanze dagli altri. Dovranno invece attendere tutti gli sport di squadra o di contatto.

Fase 2, 11 maggio: riaprono i negozi

La vendita al dettaglio, abbigliamento, scarpe e altri negozi dovranno attendere ancora una settimana in più. L’11 maggio dovrebbero ripartire i negozi, sempre facendo attenzione alla gestione del posto. Misure di sicurezza, entrate nei locali, mascherine.

18 maggio: bar e ristoranti

I bar e i ristoranti, come altri luoghi di aggregazione, sembrano essere un nodo difficile da sciogliere. Come si potrà tornare quindi a cenare fuori? La data, per ora, è quella del 18 maggio. Rispettando le solite misure a cui tutti si dovranno adattare, questa potrebbe essere una data applicabile anche per i luoghi in cui è più difficile risolvere il problema di evitare il contagio.

Bar e ristoranti dovranno mantenere un metro di distanza dal bancone, due metri tra un tavolo e l’altro, mascherine e guanti per tutto il personale. Tutto comunque dipenderà da come andranno le altre cose dall’inizio della Fase 2, sperando che l’emergenza coronavirus sia rientrata.

Approfondisci

TUTTO sul Coronavirus

Coronavirus, Fase 2: sì agli spostamenti tra comuni e al jogging

Coronavirus, Fase 2: come funzioneranno le visite a familiari e amici