una persona su un marciapiede accerchiata dall'acqua in strada e una macchina con l'acqua altezza gomme

Le violenti piogge delle ultime ore hanno messo in ginocchio una parte della città di Milano. Intorno alle 3 di questa notte il Seveso ha esondato nella parte Nord della città. Particolarmente colpito il quartere Niguarda le cui strade si sono allagate, in aggiunta c’è stata anche una lunga l’interruzione di corrente elettrica.

La situazione a Milano dopo l’esondazione

Le strade del quartiere Niguarda questa notte sono state chiuse dopo l’esondazione del Seveso, durata ben 5 ore. Solo poco fa l’acqua ha smesso di esondare e tra poco cominceranno le operazioni di ripulitura e messa a punto delle strade.

Non solo il Seveso, però. Questa mattina le piogge hanno portato all’esondazione anche il Lambro, che per ora ha invaso con le sue acque solo i campi. In ogni caso, la comunità Exodus di don Antonio Mazzi al Parco Lambro è stata evacuata.

Marco Granelli, assessore alla Mobilità e ai Lavori Pubblici del Comune di Milano, ha aggiornato la popolazione su Facebook: “Seveso e Lambro ore 7.50. Esondazione del seveso è ora rientrata, è durata quasi 5 ore. Ora iniziano le operazioni di pulizia per riaprire le strade.

Chiuso sottopasso Negrotto mentre gli altri in citta’ sono funzionanti. Rubicone e’ stato chiuso solo poco nella notte. In corso evacuazione delle comunita’ del Parco Lambro per prudenza visto che il Lambro continua a salire e nel Parco incomincia ad allagare i prati“.

Guarda il video