Andrea Bocelli

Andrea Bocelli colpito dal Coronavirus, così sua moglie e i due figli: è la notizia che ha inondato le cronache degli ultimi minuti e che sarebbe stato lo stesso artista a rivelare, come riportano Ansa e Adnkronos. Il tenore, che sarebbe guarito dal Covid-19, si sarebbe recato all’ospedale Cisanello di Pisa per dare il suo contributo alla ricerca con la donazione del plasma.

Bocelli rivela: “Ho avuto il Covid-19

È di pochi minuti fa la notizia che Andrea Bocelli avrebbe contratto il Coronavirus. Sarebbe stato lo stesso artista a rivelarlo alla stampa, fuori dall’ospedale Cisanello di Pisa dove si sarebbe recato, nella mattinata di oggi, per dare un contributo alla ricerca contro il Sars-CoV-2 attraverso la donazione del plasma tramite plasmaferesi, per sostenere lo studio sui trattamenti dei pazienti Covid coordinato dall’Aoup.

Ho avuto il Covid-19“, ha dichiarato l’artista ai giornalisti, sottolineando come la scoperta della sua positività sarebbe arrivata il 10 marzo scorso, all’esito di un tampone.

Contagiati anche moglie e figli

Anche la moglie del tenore, Veronica Berti, e i figli Matteo e Amos sarebbero stati contagiati e sarebbero guariti, stando a quanto riportato da Adknkronos.

Come spiega Adnkronos, Veronica Berti avrebbe donato il plasma “normale” poiché non è possibile usare infatti quello iperimmune di donne con pregressi aborti o gravidanze.

Non ho avuto problemi

All’uscita dal centro prelievi del Cisanello, dove stamattina ha donato il plasma, Bocelli ha rilasciato alcune dichiarazioni sulle sue condizioni di salute faccia a faccia con il Coronavirus.

L’artista ha dichiarato di essere stato sostanzialmente asintomatico, avendo manifestato solamente una lieve febbre e nulla di più. A rendere meglio l’idea di come abbia affrontato la situazione, un’ulteriore precisazione sul giorno in cui ha scoperto di aver contratto il Coronavirus: “Onestamente, quando l’ho saputo mi sono tuffato in piscina perché stavo bene“.

Andrea Bocelli ha quindi chiarito di non aver sviluppato alcun sintomo di rilievo.

Il messaggio sui social: “Faccio la mia piccola parte

Su Facebook, dopo la pubblicazione della notizia sulla sua guarigione dal Coronavirus, Andrea Bocelli ha voluto spiegare qualcosa in più sulla scelta di mantenere il riserbo sulla questione, e approfondire i contorni della decisione di contribuire alla ricerca con la donazione del plasma.

La pandemia che ha turbato il mondo ha coinvolto, seppure in modo lievissimo e pressoché asintomatico, anche la mia persona e alcuni membri della mia famiglia. Per non allarmare inutilmente i miei fan, per rispetto verso coloro che hanno contratto il virus con ben altre conseguenze, ed anche per tutelare la mia famiglia, non ho ritenuto opportuno divulgare la notizia. Perfettamente guarito già prima della fine di marzo, oggi nuove priorità m’impongono di rinunciare a quel riserbo che ho finora perseguito quale scelta di responsabilità. Ho immediatamente risposto “presente” alla possibilità di donare il sangue, per lo studio sulla cura del Covid.

Un piccolo gesto – ma irrinunciabile – con cui faccio la mia piccola parte“.

Post di Andrea Bocelli su Facebook
Post di Andrea Bocelli su Facebook – Fonte: Facebook/Andrea Bocelli

Il tenore in campo per l’emergenza Coronavirus

Il tenore è sceso subito in campo durante la fase più acuta dell’emergenza Coronavirus, con la sua Fondazione, con una bella iniziativa in favore del reparto Covid dell’ospedale di Camerino, e continua a dare il suo contributo alla ricerca.

Nel marzo scorso, il popolo di Instagram aveva potuto apprezzare il tenore in una performance a distanza con Chiara Ferragni e Fedez, sempre per sostenere la struttura sanitaria del comune in provincia di Macerata.

Il 12 aprile scorso, infine, in occasione della Pasqua il suo concerto in solitaria al Duomo di Milano ha stregato milioni di spettatori in tutto il mondo, cristallizzandosi come una delle immagini più significative tra le cronache del lockdown in piena pandemia.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, plasma dei guariti al centro di uno studio