serena grandi

Serena Grandi è ancora nello sconforto per la condanna a 2 anni e 2 mesi di reclusione per via della bancarotta e del fallimento del suo ristorante, la Locanda di Miranda.

L’attrice si è sfogata insieme al figlio a Live-Non è la D’Urso, raccontando alcuni dettagli della vicenda.

A parlare, in un video mandato in onda in trasmissione, è anche il figlio di Serena Grandi, Edoardo Ercole, che con la madre partecipava all’attività del ristorante. “Qui dentro abbiamo passato tanto tempo ed è successo di tutto. Avevamo aperto questo posto che doveva essere il nostro ritiro ma forse abbiamo sottovalutato la cosa.

Io in questa cucina in un momento di disperazione ho pensato anche di farla finita”.

Sul mancato pagamento degli stipendi, Serena Grandi in studio ripete quanto detto in precedenza, ovvero che forse solo uno non fu pagato per l’ultima settimana di lavoro.

Serena Grandi ed il tumore

La Grandi ha ammesso che nel periodo del processo aveva altri pensieri (la sua malattia) e che ciò l’ha distratta dall’attività processuale: “Io in quel periodo avevo un altro problema a cui pensare un tumore al seno di 5 centimetri.

Poi ovviamente se qualcuno mi fotografa mentre porto via uno stendino da casa mia e dice che sono cose che ho sottratto al ristorante non è colpa mia”.

Libri contabili: come sono scomparsi?

Sulla questione dei libri contabili, a Repubblica la Grandi aveva dichiarato che erano andati persi per via del comportamento dell’assistente di un potenziale acquirente a cui li aveva dati. Nello studio di Barbara D’Urso ha invece dichiarato: “Un mio inserviente mi ha detto di averli buttati io cosa ci posso fare?”.

Approfondisci:

Serena Grandi: un tumore scoperto in ritardo dai medici

Serena Grandi condannata a 2 anni di carcere: tutte le accuse a suo carico

Serena Grandi parla dopo la condanna: “Sono disgustata da questa giustizia”